Ultimo aggiornamento alle 22:09
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

lo scontro

Lamezia, in città manifesti contro Mascaro. L’ira del sindaco sui social: «Vergognatevi»

Il clima politico si surriscalda, accuse da Pd e Lamezia Bene Comune: «manifesta inconcludenza amministrativa»

Pubblicato il: 22/10/2022 – 16:50
di Giorgio Curcio
Lamezia, in città manifesti contro Mascaro. L’ira del sindaco sui social:  «Vergognatevi»

LAMEZIA TERME «VERGOGNATEVI della vostra malafede ed aiutate chi ha bisogno invece di sprecare soldi in manifesti Dimenticavo: la vostra non è stata la peggiore amministrazione degli ultimi 30 anni di Lamezia (sarebbe un complimento immeritato) ma la peggiore della storia dell’Italia repubblicana». È durissima la risposta – attraverso i social – del sindaco di Lamezia Terme, Paolo Mascaro. E lo fa scagliandosi contro il Pd lametino e “Lamezia Bene Comune”, responsabili dell’affissione di alcuni manifesti per le vie della città, altrettanto duri e critici contro l’amministrazione comunale targata Mascaro.

Il manifesto

Si parla, ad esempio, di abbandono, della mancata bonifica del campo rom di Scordovillo. Oppure «l’abbandono del presidio ospedaliero e della medicina del territorio», di «spazi sportivi inutilizzabili» o «il degrado del lungomare». Nel manifesto, inoltre, Lamezia Bene Comune e Pd criticano una «progettualità quasi a zero» e solo una «noiosa litania di cifre». Infine, la stoccata agli assessori che – scrivono – «hanno accettato l’offerta del sindaco e che spesso per dovere d’ufficio maldestramente lo difendono rischiando loro malgrado di rappresentare la foglia di fico alla sua manifesta inconcludenza amministrativa».

La replica (durissima) di Mascaro

Nel pomeriggio, come detto, la replica piccatissima del sindaco che, su Facebook, attraverso un lunghissimo post, si è lasciato andare in uno sfogo con toni durissimi. «DEDICATO AI PATETICI AMMINISTRATORI DEI DISASTRI SOLO OGGI IN PARTE RIMEDIATI – scrive subito – leggo di manifesti affissi contenenti l’esaltazione dell’ignoranza dei sottoscrittori». «Mai – scrive ancora – risponderò con manifesti perché mai sprecherei i miei soldi (con i quali pago abbonamenti alle stagioni teatrali, biglietti in treno per missioni istituzionali, corone e targhe per eventi comunali nel mentre loro erano adusi ad utilizzare i soldi della collettività) ne’ quelli dei partiti (che spenderei per eventi di formazione) ne’ soldi pubblici (che spendo per rimediare ai loro disastri) e mi limito quindi ad usare questa pagina per evidenziare a chi è responsabile di tutte le criticità esistenti in Città alcuni dati oggettivi in risposta ad affermazioni sterili». E poi il lungo elenco con le contro-contestazioni:

Marzo 2014: dichiarazione pre-dissesto
Dicembre 2022: presa atto definitivo risanamento Comune ed uscita dal pre-dissesto al 31/12/23
Marzo 2014: blocco assunzioni per disastro economico certificato dal consiglio comunale
3 agosto 2022: Cosfel autorizza assunzioni certificando avvenuto risanamento
Giugno 15: conto corrente con posizione debitoria di 11.800.000
Ottobre 22: conto corrente da 4 anni senza posizioni debitorie e con saldo positivo di più di 5 milioni di euro oltre somme vincolate
Dicembre 2014: fondi vincolati non ricostituiti per circa 10 milioni di euro
Amministrazione Mascaro: mai mancata ricostituzione fondi vincolati
Giugno 2015: Multiservizi con 25 milioni di euro di debiti e dipendenti in arretrato su stipendi, 14^ e buoni pasto
Ottobre 2022: Multiservizi risanata e dipendenti in perfetta regola con i pagamenti.
Giugno 2015: fatture impagate ad aziende, cooperative e creditori da mesi 18
Ottobre 2022: fatture pagate in linea con i tempi di legge
Giugno 2015: contrattazione collettiva ferma al 2012 con relativi ingenti crediti dei dipendenti
Ottobre 2022: liquidate spettanze contratti collettivi al 2021 e sottoscrizione 2022 nel mese di novembre
Giugno 2015: Derivati Barclays e BNL per 6 milioni di euro di debiti
Ottobre 2022: definizione derivati Barclays e definizione nei prossimi giorni derivati BNL con risparmio di 5 milioni di euro
Giugno 2015: differenziata al 30% e bidoni deturpanti in ogni angolo della Città
Ottobre 2022: differenziata al 63% e bidoni eliminati anche in alcune zone collinari
Giugno 2015: inesistenza isola ecologica
Ottobre 2017: inaugurazione isola ecologica
Giugno 2015: regime di salvaguardia pubblica illuminazione per morosità con sanzioni ed interessi per euro 800.000 annui
Ottobre 2022: pagate tutte le forniture maturate ad agosto 22 e project finance con risparmio sulle spese correnti di euro 200.000 annui
Giugno 2015: non funzionanti 3.000 punti luce pubblica illuminazione
Ottobre 2022: passaggio a led 13.500 punti luce tutti man mano funzionanti
2010-2015: contrazione mutui per decine e decine di milioni di euro per acquisto teatri e realizzazione opere pubbliche
2015-2022: pagamento precedenti mutui ed interessi per 60 milioni di euro; acquisiti finanziamenti opere pubbliche per 200 milioni di euro
Potrei continuare all’infinito con dati oggettivi ma stancherei chi legge.

Autunno caldissimo

Insomma, a Lamezia Terme, dopo mesi soporiferi, i toni politici tornano a ravvivarsi in modo anche sorprendente. L’affondo del centrosinistra lametino ha dato, pare, il via ad una nuova fase politica in città. Già ieri sera, inoltre, i due consiglieri di minoranza, Mimmo Gianturco e Rosy Rubino avevano sferzato il sindaco in un incontro – disertato – sul prossimo Psc. Si preannuncia così con un autunno caldissimo. (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x