Ultimo aggiornamento alle 14:11
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la nuova giunta regionale

Occhiuto: «Troppe deleghe per me? Ci sono progetti strategici che solo il presidente può guidare…»

Il governatore annuncia a breve la riorganizzazione della dirigenza. Il travaglio della Lega? «Normale per un partito con un solo assessore»

Pubblicato il: 29/11/2022 – 12:42
Occhiuto: «Troppe deleghe per me? Ci sono progetti strategici che solo il presidente può guidare…»

CATANZARO «Probabilmente nella prossima settimana riorganizzeremo in alcuni aspetti di dettaglio la macchina organizzativa». Così il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, nel punto stampa alla Cittadella di Catanzaro con i giornalisti sulla nomina dei due nuovi assessori Emma Staine e Giovanni Calabrese.

Il travaglio della Lega? «Normale»

Il primo tema è stato il “travaglio” della Lega di Matteo Salvini, che solo ieri, dopo una lunga attesa, ha indicato il nome dell’assessore a Occhiuto: «Credo sia normale per un partito che esprime un solo assessore in Giunta fare delle valutazioni approfondite su chi debba ricoprire questo incarico. Ma – ha detto Occhiuto – sono molto contento perché il curriculum della Staine è un curriculum di tutto rispetto: ha già svolto le funzioni di componente del Cda di Finacalabra, è un’esperta di progettazione di fondi comunitari, credo che con lei si possa lavorare nella direzione di mettere a terra le risorse del Fondo sociale europeo che quest’anno sono molto importanti per la Regione».

«Ecco perché trattengo il turismo»

Occhiuto ha poi spiegato perché ha deciso di trattenere per sé la delega al Turismo: «Credo che lo sviluppo del settore turistico sia strategico per la Regione, quindi è mia intenzione, almeno per qualche tempo, conservare questa delega e occuparmi direttamente dello sviluppo turistico e della promozione dell’immagine della Calabria». Ai giornalisti che hanno osservato di aver accentrato a sé troppi incarichi, Occhiuto ha risposto così: «La sanità l’ho dovuta assumere perché il commissario non può essere altro che il presidente. Negli altri settori come l’ambiente abbiamo messo in atto politiche di riforma che solo il presidente poteva guidare: parlo della riforma degli Ato, dell’Autorità idrica, abbiamo messo fuori dalla liquidazione Sorical, abbiamo avviato il raddoppio del termovalorizzatore, sono progetti strategici che è giusto che stiano in capo al presidente. Sono attività che ormai stanno andando per conto loro, abbiamo un ottimo commissario – Bruno Gualtieri – che si occupa della gestione del rifiuti. Certo – ha sostenuto il governatore – occuparsi del turismo sarà oneroso ma credo che sia necessario».

«Nella prossima settimana riorganizziamo la macchina»

Ultimo passaggio sulla burocrazia della Cittadella. «Probabilmente nella prossima settimana riorganizzeremo in alcuni aspetti di dettaglio la macchina organizzativa» , ha sostenuto Occhiuto, aggiungendo che «sui direttori generali stiamo procedendo alla stabilizzazione dei dg che prima erano reggenti: vogliamo proseguire in questa direzione facendo degli aggiornamenti laddove è necessario, quindi non è escluso che ci sia qualche nuovo direttore generale da qui a qualche settimana». (c. a.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x