Ultimo aggiornamento alle 12:46
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il report

Enti in dissesto, «la normativa vigente è inadeguata e va riformata» – VIDEO

Lo sostiene Marcello Degni dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. Il report sui Comuni è stato presentato alla SSSAP dell’Unical

Pubblicato il: 06/12/2022 – 16:55
Enti in dissesto, «la normativa vigente è inadeguata e va riformata» – VIDEO

COSENZA La situazione è piena di incognite e i comuni sono al centro della tempesta. All’immagine dei sindaci che distribuivano gli aiuti alimentari nel periodo più acuto della pandemia si è affiancata quella dell’intenso lavoro organizzativo per rispettare requisiti e scadenze del Pnrr. Ripresa dell’inflazione e tensioni sulle materie prime complicano lo scenario. E’ quanto emerge dal rapporto Rapporto Ca’ Foscari “I comuni davanti alla sfida del Pnrr” presentato questa mattina all’Università della Calabria in un evento organizzato dalla Scuola Superiore di Scienze delle Amministrazioni Pubbliche.

«I dissesti iniziano a segnare anche il Nord»

«Il tema del dissesto è una spia di un malessere più generale. Noi identifichiamo negli Enti in difficoltà finanziaria una fascia, piuttosto ampia, segnata da una condizione sicuramente molto deficitaria e con difficoltà nella gestione delle funzioni assegnate», dice al Corriere della Calabria Fabrizio Fazioli di Ifel – Istituto per la Finanza e l’Economia Locale. «Purtroppo il Centro-Sud ne fa maggiormente le spese ma il tema dei dissesti comincia essere diffuso al nord», aggiunge. La crisi dei Comuni fonda le sue radici nel lontano 2008. «Sono stati anni difficili, una crisi che ha prodotto difficoltà finanziarie e i Comuni sono stati chiamati a partecipare attraverso i vincoli di finanza pubblica esasperando una condizione che ha amplificato divari strutturali già esistenti», sostiene Fazioli. «Uscire dalla crisi – chiosa – significa non ripristinare la situazione precedente già segnata da disparità, ma andare oltre l’emergenza raggiungendo un equilibrio tale da garantire una condizione nella quale tutti possano svolgere effettivamente le funzioni assegnate».

«Bisogna uscire dallo stigma del dissesto»

«Le difficoltà finanziarie sono territorialmente legate ad alcune regioni, in particolare in Calabria, Sicilia e Campania. In queste tre regioni la situazione è molto critica e quindi è necessario affrontare il tema anche dal punto di vista normativo», suggerisce al Corriere della Calabria Marcello Degni, docente Università Ca’ Foscari di Venezia. «Con l’entrata in pre-dissesto del Comune di Palermo, tutte le città del meridione eccetto Bari sono in crisi finanziaria, quindi è un problema nazionale», aggiunge. «La normativa vigente è inadeguata e quindi va riformata, ristrutturata. Noi, nella nostra ricerca abbiamo analizzato il tema e abbiamo proposto anche delle ricette». Quali? «Sicuramente bisogna uscire dallo stigma del dissesto, il comune non può fallire perché fornisce servizi fondamentali, non è un’azienda», precisa Degni. Che aggiunge: «In caso di criticità finanziaria il sistema multilivello deve intervenire e riorganizzare la situazione. L’obiettivo deve essere il risanamento dell’ente». (f.b.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x