Ultimo aggiornamento alle 17:36
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

verso il congresso dem

Pd, nuova denuncia della mozione Cuperlo: negata la sede regionale per una riunione

La rappresentante dell’area che sostiene il parlamentare, Canduci. «In Calabria dinamiche allarmanti»

Pubblicato il: 22/01/2023 – 19:39
Pd, nuova denuncia della mozione Cuperlo: negata la sede regionale per una riunione

«Livia Turco ha ricordato opportunamente che bisogna recuperare coerenza tra le cose che diciamo e la nostra concreta azione, le parole e i fatti. Ciò è necessario per recuperare la fiducia perduta e per riconquistare la necessaria credibilità. Ciò deve essere fatto a partire dalla organizzazione di questo congresso. Bisogna dire e dirci con franchezza che non sempre è non dappertutto avviene questo». Così Maria Canduci, componente dell’assemblea nazionale del Pd e rappresentante della mozione congressuale a sostegno della candidatura a segreteria di Gianni Cuperlo. «Si stanno verificando cose che – prosegue Canduci – non aiutano a recuperare fiducia ed a recuperare i tanti che hanno abbandonato a ritornare e nuove forze ad impegnarsi con noi. Nella mia regione, la Calabria, si stanno sviluppando dinamiche, in questa fase congressuale negative ed allarmanti. Intanto la Calabria è l’emblema del paradosso dei doppi e tripli incarichi. Il segretario regionale è senatore dopo essere stato capogruppo alla regione e capolista. Veniamo da anni di commissariamento che hanno prodotto macerie, distrutto la coalizione del centrosinistra ed isolato il Pd. Oggi il partito ha dimezzato i voti e ridotto a meno di un terzo in un anno il numero degli iscritti. Eppure si perpetrano ancora gli stessi errori e le stesse arroganze. Viene negata la partecipazione alle commissioni per il congresso alla mozione Cuperlo chiuso l’accesso all’anagrafe degli iscritti, persino negata la sede regionale del partito per svolgere una riunione organizzativa del coordinamento. Credo – sostiene poi Canduci – che di questo passo del partito calabrese, che anziché recuperare esperienze, militanza, tanti compagni che sono andati via, si arrocca nei suoi dirigenti che pensano solo a difendere rendite di posizione, resterà molto poco. Ho voluto cogliere questa occasione per segnalare comportamenti che non fanno bene al nostro lavoro e non rendono credibile la stessa idea costituente. Ho scelto di farlo perché sono convinta che bisogna partire dai territori per ricostruire la comunità dei democratici e ristabilire relazioni e rapporti umani di fraternità e di appartenenza senza i quali non faremo il cammino che ci proponiamo. Quel cammino necessario al nostro Paese ed al suo futuro».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x