Ultimo aggiornamento alle 7:10
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la pronuncia

‘Ndrangheta e politica a Lamezia. Annullata con rinvio l’assoluzione dell’ex consigliere comunale Paladino

Lo ha stabilito la Cassazione. L’ex politico è accusato di concorso esterno. Definitive tre condanne. Torna in appello la posizione di De Biase

Pubblicato il: 09/02/2023 – 7:20
di Alessia Truzzolillo
‘Ndrangheta e politica a Lamezia. Annullata con rinvio l’assoluzione dell’ex consigliere comunale Paladino

ROMA La Corte di Cassazione si è pronunciata, nella tarda serata di ieri, sulla posizione di cinque imputati coinvolti nel procedimento nato dall’inchiesta “Crisalide” della Dda di Catanzaro.
Il processo Crisalide, incentrato sulla consorteria lametina dei Cerra-Torcasio-Gualtieri, contempla i reati di associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione, spaccio di sostanze stupefacenti, intimidazione.
La Suprema Corte, in accoglimento del ricorso del procuratore generale di Catanzaro, ha annullato con rinvio la sentenza pronunciata il 16 dicembre 2021 dalla Corte d’Appello di Catanzaro – presidente Caterina Capitò, a latere Maria Rosaria Di Girolamo e Giuseppe Perri – che assolveva dall’accusa di concorso esterno l’ex vicepresidente del consiglio comunale di Lamezia Terme, Giuseppe Paladino, che a maggio 2020 era stato condannato, in primo grado dal Tribunale di Lamezia a 6 anni di reclusione.
Paladino è accusato di avere fornito un «concreto, specifico consapevole e volontario contributo» di natura materiale e morale alla cosca Cerra-Torcasio-Gualtieri. L’accusa gli era contestata in concorso col padre Giovanni Paladino, medico e anche lui già consigliere comunale in anni precedenti a quelli del figlio. Per Giuseppe Paladino è ora previsto un nuovo processo d’appello con diversa composizione collegiale. Per il padre Giovanni Paladino, lo scorso 29 settembre, la Cassazione ha confermato la sua condanna a 4 anni di reclusione.

Definitive tre condanne

Con questa recente pronuncia la Suprema Corte ha dichiarato inammissibili i ricorsi di Danilo Fiumara, Piero De Sarro e Giuseppe Costanzo, le cui condanne diventano definitive: Danilo Fiumara 10 anni e 9 mesi; Piero De Sarro, 10 anni di reclusione; Giuseppe Costanzo, 11 anni di reclusione.

Appello bis per De Biase

Annullata con rinvio la posizione di Francesca Antonia De Biase (condannata in appello a un anno, 10 mesi e 2.800 euro di multa) in accoglimento del ricorso del legale Aldo Ferraro. Anche nei suoi confronti si dovrà pronunciare di nuovo la Corte d’Appello di Catanzaro.
Paladino è difeso dall’avvocato Lucio Canzoniere; De Sarro dall’avvocato Giuseppe Di Renzo; Fiumara da Massimiliano Carnovale e Francesco Gambardella, Costanzo da Tiziana D’Agosto e Antonio Larussa.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x