Ultimo aggiornamento alle 7:18
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Il dramma di Cutro

Superstiti del naufragio, appello delle democratiche: «Garantire condizioni di vita dignitose»

La conferenza delle donne dem calabresi: «Subito il diritto all’accoglienza e all’asilo ai sopravvissuti»

Pubblicato il: 07/03/2023 – 9:54
Superstiti del naufragio, appello delle democratiche: «Garantire condizioni di vita dignitose»

CROTONE «La Prefettura di Crotone ed il Ministero dell’Interno garantiscano ai sopravvissuti del naufragio di Cutro l’immediata manifestazione e formalizzazione della richiesta di protezione internazionale e il trasferimento nei progetti SAI attivi sul territorio Calabrese così da garantire ai migranti il diritto all’accoglienza e all’assistenza legale, nonché un supporto psicologico e sanitario necessario per elaborare il trauma ed il lutto, senza però privarli della vicinanza geografica e logistica ai loro familiari defunti».
Lo chiede a gran voce la Conferenza delle Democratiche Calabria del Partito Democratico.
«L’onda emotiva e mediatica di queste ore – si legge in una nota – ci sta restituendo lo spaccato di un paese e di una società civile accogliente, empatica e vicina agli ultimi.
La catena di solidarietà e gli slanci di grande generosità lasciano senza parole. Il compito della Politica, però, è quello di rispondere in concreto ai bisogni e alle esigenze delle persone, affermandone i diritti ed i doveri».
«A quasi 10 giorni dalla tragedia – denunciano – non è più possibile che i migranti continuino ad essere collocati dentro i capannoni del CARA di Crotone senza distinzione tra donne uomini bambini, senza adeguate strutture dove dormire e mangiare, senza adeguati servizi dove lavarsi. Più passa il tempo più la confusione aumenta».
«È necessario garantire ai superstiti condizioni di vita dignitose – sottolineano – ed adeguate in particolar modo per le categorie fragili come donne e bambini che ad oggi vivono in condizioni assolutamente promiscue all’interno di capannoni ubicati dentro il CARA di Crotone, sorvegliati a vista, potendo uscire solo previa autorizzazione e per poche ore».
«Chiediamo, quindi, ai Parlamentari del Partito Democratico – concludono le democratiche calabresi – a partire da quelli Calabresi Nicola Irto e Nico Stumpo, nonché ai Consiglieri Regionali Ernesto Alecci, Raffaele Mammoliti, Domenico Bevacqua, Francesco Antonio Iacucci e Giovanni Muraca, di fare “pressione” affinché il Governo, il Ministero dell’Interno e la Prefettura di Crotone garantiscano immediatamente ed effettivamente il diritto all’accoglienza e diritto d’asilo ai sopravvissuti. Non basta essere generosi. Servono azioni concrete».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x