Ultimo aggiornamento alle 12:28
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il verdetto

Cadono le accuse per il presunto boss di Siderno. Tutti assolti gli imputati di “Core business”

La sentenza del Tribunale di Locri. Cadute le accuse per Cosimo Commisso. La Dda di Reggio Calabria aveva chiesto 25 anni di carcere

Pubblicato il: 24/03/2023 – 17:00
Cadono le accuse per il presunto boss di Siderno. Tutti assolti gli imputati di “Core business”

REGGIO CALABRIA Sono stati tutti assolti gli imputati del processo “Core business”. Lo ha deciso stamattina il Tribunale di Locri, presieduto dal giudice Ada Vitale (a latere Andrea Bonato e Alessio Trogu), che ha emesso la sentenza di assoluzione per Cosimo Commisso per il quale il sostituto procuratore della Dda Giovanni Calamita aveva chiesto 25 anni di carcere. Per la Dda reggina, infatti, Cosimo Commisso era il principale imputato del processo perché accusato di aver ricoperto un ruolo apicale dell’omonima cosca di Siderno.
Secondo i pm, infatti, sarebbe stato il leader riconosciuto della famiglia di ‘ndrangheta sia nel periodo in cui è stato detenuto, per 26 anni, sia dopo la scarcerazione seguita a un processo di revisione davanti alla Corte d’appello di Napoli che lo ha scagionato, in via definitiva, da alcuni omicidi rientranti nella “faida di Siderno” e consumati a cavallo tra gli anni 80 e gli anni 90. Quello che gli inquirenti hanno ritenuto boss, in seguito a quella sentenza per gli avvocati era in realtà un incensurato. Per Cosimo Commisso, quindi, sono cadute le accuse così come sono stati assolti, per non aver commesso il fatto, gli altri imputati del processo Antonio Rodà e Giuseppe Giacomo Minnici per i quali la Procura aveva chiesto la condanna a 15 anni di reclusione.
Con la formula “perché il fatto non sussiste”, inoltre, è stata emessa sentenza di assoluzione anche per Vincenzo Crupi, Giuseppe Crupi, Natale Rocco Crupi e Loriana Rodà. Il Tribunale ha disposto, infine, il dissequestro in provincia di Arezzo della struttura “Anghiari residence” che era stata sequestrata nel dicembre 2019. (Ansa)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x