Ultimo aggiornamento alle 23:17
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 6 minuti
Cambia colore:
 

le parole

Pasqua, il messaggio del vescovo Nostro. «Soltanto Dio è la Vita»

Il messaggio del Vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea. «L’amore su quella Croce ha già vinto la sua battaglia, il suo duello più cruento»

Pubblicato il: 07/04/2023 – 10:32
Pasqua, il messaggio del vescovo Nostro. «Soltanto Dio è la Vita»

VIBO VALENTIA «Care sorelle e cari fratelli, in questa Pasqua di Resurrezione ci facciamo accompagnare dai tanti personaggi che popolano le scene della Passione di Cristo. Le loro azioni, i loro gesti rappresentano uno spaccato della nostra stessa umanità». E’ l’incipit del messaggio pasquale del Vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea, Monsignor Attilio Nostro.

Giuda compie un gesto terribile: tradisce il Figlio di Dio con un bacio

«Proprio con un bacio, soffiato da Dio Creatore nelle narici di Adamo, attraverso la sua RUAH ha reso l’uomo un essere vivente! Ma PROPRIO con un bacio Giuda doveva tradire il figlio di Dio? Ecco cosa appare evidente: il peccato trasforma un gesto d’amore in un gesto di inaudita violenza e non ha potere creativo ma distruttivo».

Ma perché la nostra umanità sceglie così spesso di trasformare la bellezza in tradimento e morte?

«Pietro compie un gesto terribile: rinnega di conoscere Gesù. Anche noi rinneghiamo, quando ci dimentichiamo di essere stati amati e perdonati, quando ci dimentichiamo di appartenere a Gesù, che per noi ha versato il suo sangue su quella Croce dalla quale ha pregato il Padre intercedendo per noi. Rinnegare questo amore significa addirittura banalizzare questa bellezza che riesce a superare le nostre resistenze più tenaci e le nostre paure più sorde! Pilato compie un gesto terribile: lascia che venga condannato un innocente. Siamo circondati da persone che, tutti i giorni, vengono condannati dalle nostre chiacchiere sferzanti, dai nostri giudizi saccenti, dall’ironia denigrante. Non possiamo e non dobbiamo rassegnarci a vedere questa flagellazione di parole distruttive pensando che non sia nostra responsabilità opporci a tutta questa bruttura. La folla condanna Gesù con parole che lo accusano del reato di “lesa maestà” a vantaggio di Cesare, ma Lui non ha bisogno di un capro espiatorio, perché è l’Agnello che toglie il peccato del mondo e ci riconsegna la sua bellezza perché diventi la nostra bellezza! La Corredentrice – Lucia Merli Simone di Cirene compie un gesto bellissimo: aiuta Gesù verso il Calvario. È un migrante, come quei poveri disperati che a Cutro hanno incontrato la morte in mezzo alle onde di un mare che doveva condurli alla salvezza. È lui, un migrante trattato come uno schiavo, che incrocia Dio sulla sua strada. Simone non è anonimo agli occhi di Gesù, che sapeva che lo avrebbe incontrato e che avrebbe cambiato per sempre la sua vita. La tragedia di Cutro è la storia di un mancato appuntamento con il soccorso, con la salvezza e con l’amore. A volte anche la nostra storia è una storia di appuntamenti mancati con Dio, con la bellezza di quell’amore che, solo, può sollevare dall’anonimato la nostra vita e renderci unici come Gesù, il buon samaritano che cura le ferite dell’uomo e fascia le sue piaghe. Il buon ladrone compie un gesto bellissimo: approfitta per chiedere. Mi è sempre piaciuta la faccia tosta di questo ladro che compie un ultimo, meraviglioso furto: “ruba” a Gesù la vita eterna! Un gesto di una persona che osa fare un ultimo tentativo: raddrizzare una vita che non l’ha mai soddisfatto in pienezza. Lo sa, lo riconosce, lo ammette e sconfessa sé stesso dichiarando la propria morte come “giusta”. Eccola, la libertà: ammettere di essere poca cosa senza Dio, senza un amore che dia senso alla nostra vita. Ma la vita chi ce l’ha? La vita chi può mai darla? Solo Dio ha in sé la vita; soltanto Dio è la Vita! Allora potrei, forse, rubarla a Dio! Ma quanto volentieri Gesù lascia entrare non solo questo ladro, ma tutti noi ladri d’amore in casa sua! Gesù compie il gesto più bello di tutti: offre sé stesso al Padre. Gesù non ha bisogno di rubare, ma offre, dona sé stesso al Padre nella Croce che rappresenta la cosa più BELLA che l’umanità abbia mai visto! Mi tornano alla mente le parole di Cristo in quella specie di “elegia funebre” che lui pronuncia in occasione della cattura di Giovanni Battista: “cosa siete andati a vedere nel deserto?” Era evidente che non avevano capito quel che avevano visto. Così anche qui. Cosa abbiamo visto? Un uomo coperto di sangue, di dolore e di odio? Solamente questo abbiamo visto? No, qui vediamo il “più bello tra i figli dell’uomo”. Qui, sulla Croce, vediamo lo Sposo che si consuma d’amore per la Sposa e va incontro alla morte gridando il suo amore per il Padre e per noi. Il centurione vede tutta questa bellezza e riconosce che questo è Dio! Questo spettacolo di orrore, tormento e tortura non fa arretrare di un solo passo Gesù che, inarrestabile, continua anche sulla Croce a pregare, perdonare, insegnare, donare! Ma chi sarà mai questo uomo? Chi è? Come fa a trasformare quest’onda di odio in un soffio vitale di nuovo amore? Solo Dio, solo Dio può farlo! Nessun altro può! Perciò questo Gesù, deve, deve essere Dio! Non può essere che così! Ecco la conclusione a cui è giunto il centurione, il suo stesso assassino, il suo aguzzino, il suo ultimo torturatore che però viene bagnato dal suo sangue, viene toccato dal suo sguardo, viene ferito al cuore da un uomo distrutto che, però, riesce ancora a creare».

Maria compie un gesto bellissimo: offre il Figlio suo per tutti noi

«Maria tutto questo già lo sapeva, ma vedere con i propri occhi che cosa può fare l’amore non l’aveva visto mai nemmeno lei. Suo figlio ha creato una via nuova: adesso l’amore si è davvero aperto una strada nuova nel cuore dell’uomo. Adesso la vita può davvero trionfare sulla morte; adesso il perdono può essere più forte del giudizio, dell’odio, della morte stessa! Maria, sotto quella Croce, sa e vede che il Figlio di Dio, suo figlio Gesù che lei ha portato in grembo, porta ora nel suo grembo tutti noi e ci conduce al Padre. L’amore ha vinto l’odio, l’amore è più forte e non si lascia piegare o scendere a patti. L’amore su quella Croce ha già vinto la sua battaglia, il suo duello più cruento e spietato. Grazie, Maria, per il tuo si all’Arcangelo, grazie per il tuo sì sotto la Croce, grazie perché sei madre non più solo del tuo figlio ma sei anche mia madre, nostra madre amatissima che regni, in Cristo tuo figlio, nei nostri poveri cuori che troppo, troppo spesso tradiscono, rinnegano, rimandano l’appuntamento con l’amore. Aiutaci, o Maria Madre amatissima, a riconoscere tuo figlio nel migrante, aiutaci a “rubare” la vita eterna con la nostra preghiera, aiutaci ad arrenderci alla bellezza sovrana dello Sposo che, sino all’ultimo suo respiro, soffia su di noi l’alito vivente di un Dio che viene a ricreare l’amore nel cuore di ogni uomo!».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x