Ultimo aggiornamento alle 22:04
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il percorso

Violenza e stalking a Cosenza, i maltrattanti aderiscono al protocollo “Zeus”

Primo bilancio positivo per il progetto promosso dalla Questura di Cosenza e A.I.Me.Pe. «Segnalazioni anche da altre questure, il percorso è apprezzato»

Pubblicato il: 12/04/2023 – 20:16
Violenza e stalking a Cosenza, i maltrattanti aderiscono al protocollo “Zeus”

COSENZA Lo scorso mese di Febbraio, in Questura a Cosenza è stato siglato il “Protocollo Zeus“. L’obiettivo è ambizioso e le firme del questore Michele Spina e della dottoressa Mariacristina Ciambrone presidentessa dell’Associazione Italiana Mediatori Penali A.I.Me.Pe rappresentano il primo passo di un percorso rivoluzionario di recupero dei “maltrattanti”, uomini e anche donne protagonisti di violenze nei confronti dei rispettivi partner. Un progetto che mira a ridurre le alte percentuali dei dati riferiti agli episodi di violenza domestica e volto a promuovere il recupero dei soggetti responsabili di reati di stalking e violenza, evitando episodi di recidiva. Cosa comporta per il maltrattante la partecipazione (assolutamente spontanea) al protocollo “Zeus”? Ai responsabili di violenza vengono proposti idonei percorsi – supportati da un’equipe di lavoro multidisciplinare composta da figure come criminologi, avvocati, psicoterapeuti, educatori e mediatori – per raggiungere la piena consapevolezza della gravità delle azioni commesse. A distanza di poche settimane, abbiamo chiesto alla presidente Ciambrone un primo e parziale bilancio.

Il Questore di Cosenza Michele Spina e Mariacristina Ciambrone presidentessa dell’Associazione Italiana Mediatori Penali A.I.Me.Pe

I casi

In provincia di Cosenza, nel 2022, come evidenza la Questura nel suo report, le percentuali di reati commessi contro la persona sono in calo: lesioni dolose -18,97%; percosse  -16,67%; minacce  -12%; violenze  sessuali -14,29%. Numeri confortanti ed ulteriormente migliorabili grazie al protocollo “Zeus”. «Abbiamo già tre soggetti ammoniti che sono stati segnalati a noi dalla Questura e molte altre segnalazioni sono giunte da altre Questure della Calabria», sostiene Mariacristina Ciambrone al Corriere della Calabria. «I maltrattanti stanno rispondendo molto bene e la promessa di seguire il percorso con assiduità e rispetto è stata mantenuta».

Ciambrone-mariacristina
Mariacristina Ciambrone

Per quanto riguarda, invece, le vittime la speranza è che qualcosa possa cambiare. «Sono fiduciosa da questo punto di vista – dice Ciambrone – ma soprattutto bisogna inquadrare bene la tipologia del reato e lavorare sul disvalore dell’azione, sulla responsabilizzazione dell’accaduto». Secondo la presidente di AiMePe più di qualcuno confondo la relazione costruttiva con la relazione distruttiva». Oltre ai tre maltrattanti (uomini) che hanno aderito al protocollo Zeus, vi è anche il caso di una rinuncia. E riguarda una donna. «Una giovane accusata di maltrattamenti è stata l’unica a non accettare il percorso». A tal proposito, Ciambrone precisa che «il protocollo non è valido solo per gli uomini, ma per i reati di maltrattamenti che vedono responsabili delle donne che usano violenza nei confronti dei partner». (f. b.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x