Ultimo aggiornamento alle 12:53
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’appuntamento

A Catanzaro un incontro sul mondo del microcredito

Il segretario di Confartigianato Imprese Catanzaro Mostaccioli: «Al fianco dei nostri associati per aiutarli e consigliarli»

Pubblicato il: 15/04/2023 – 17:01
A Catanzaro un incontro sul mondo del microcredito

«Realizzare il proprio sogno imprenditoriale non è un’azione impossibile e noi di Confartigianato siamo al fianco di chi ci vuole provare»: con queste parole, il segretario di Confartigianato Imprese Catanzaro, Raffaele Mostaccioli, ha commentato l’incontro centralizzato sul mondo del microcredito.
Un appuntamento, quello svoltosi nel capoluogo calabrese, che ha suscitato forte interesse da parte del gruppo donne e giovani di Confartigianato Imprese Catanzaro.
«Siamo stati – ha evidenziato Mostaccioli – tra le prime associazioni di categoria a creare un protocollo d’intesa con l’Ente Nazionale per il Microcredito, ente pubblico il cui compito è quello di promuovere tutti gli strumenti della microfinanza per facilitare l’accesso al credito dei cittadini e delle imprese. Crediamo che sia fondamentale fare rete e creare sinergie, ma fattive ed operative, non solo sulla parola. Si tratta di un ottimo servizio per i nostri associati, soprattutto i nuovi e quelli che hanno meno di 5 anni di partita iva».
Presente anche il segretario di Confartigianato Calabria, Silvano Barbalace che ha sottolineato come vi sia «l’intenzione di estendere anche nelle altre province l’accordo già avviato a Catanzaro, per offrire uno strumento valido e dare risposta, in particolar modo, alle start up».
«Vogliamo inserire il microcredito nella cultura d’impresa dei territori e per far ciò occorre coinvolgere tutte gli attori in campo e, in particolare, le associazioni di categoria – ha affermato Marco Paoluzi, coordinatore dell’Area Credito dell’Ente Nazionale per il Microcredito – Confartigianato Catanzaro è stata lungimirante e ha fatto da apripista. Questo strumento è ancora sottoutilizzato. In realtà dovrebbe essere preso molto in considerazione perché è il primo supporto da utilizzare quando ci si vuole approcciare nel mondo dell’impresa. Una nuova attività imprenditoriale ha bisogno di finanza e può trovarla nel microcredito per un importo sino a 50 mila euro ma, soprattutto, un’impresa deve essere tutelata nella propria nascita perché il rischio di fallimento può essere molto alto. Noi cerchiamo di prevenirlo attraverso l’affiancamento al nuovo imprenditore di un tutor di microcredito, un vero e proprio punto di riferimento già quando si inizia a modellare l’idea imprenditoriale, prima ancora di chiedere il credito. Questo, insieme alla garanzia dello Stato, per l’80% dell’importo richiesto, consente l’accesso al credito in sicurezza».
«Si tratta di una grande opportunità – ha aggiunto Paoluzi – Quando nasce un’impresa, si creano posti di lavoro, indotto economico e, quindi, ricchezza. Questo è quello che spesso non viene percepito dalle istituzioni. Si investe nell’assistenzialismo che crea dipendenza piuttosto che nello sviluppo economico che stimola energia e sviluppo per il territorio».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x