Ultimo aggiornamento alle 11:58
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

il messaggio

Barachini: «Serve che la Calabria creda davvero in se stessa» – VIDEO

Il sottosegretario a “La Meraviglia di stare al mondo”: «Editoria pura essenziale per il racconto del territorio. Calabresità è punto di forza»

Pubblicato il: 27/05/2023 – 14:39
Barachini: «Serve che la Calabria creda davvero in se stessa» – VIDEO

VIBO VALENTIA Un ringraziamento «al direttore del Corriere della Calabria, Paola Militano» per iniziare. Poi un messaggio che muove da una riflessione sul racconto di una regione difficile ma bellissima per «parlare al cuore dei calabresi». Non è un saluto burocratico quello che Alberto Barachini, sottosegretario all’Informazione e all’Editoria, consegna al gruppo del Corriere della Calabria nella prima giornata de “La Meraviglia di stare al mondo”, evento in corso a Vibo Valentia. 

«L’evento può essere un tassello significativo per la rinascita del Sud»

«Questo evento – esordisce Barachini – ha davvero le potenzialità e l’ispirazione per diventare un tassello significativo nel percorso che può e deve portare il Meridione d’Italia a risplendere affrancandosi dai consueti accostamenti». Che il sottosegretario elenca: «Sud, mancato sviluppo, disoccupazione, criminalità organizzata». «Superiamo questi concetti – è l’invito di Barachini –. Conosco la Calabria, una terra bellissima, straordinaria, con un patrimonio naturale e paesaggistico, storico e artistico di primo piano: dai Bronzi di Riace agli importanti musei, ai parchi archeologici e naturali. E poi chiese, monasteri con tradizioni antichissime da custodire e mete turistiche di grande pregio, ma anche con aree incontaminate culla della biodiversità italiana». 

«Serve che la Calabria creda davvero in se stessa»

Un elenco di meraviglie che, per Barachini, non può non ispirare i cittadini: «Serve che la Calabria creda davvero in se stessa, scommetta su una nuova vita economica e culturale. Le istituzioni e la magistratura in questi anni si sono impegnate a fondo, al massimo, per emancipare questa terra dalla criminalità. Giornali come il Corriere della Calabria sono al fianco dei cittadini per stimolare il loro coraggio e la loro speranza, raccontando che una nuova identità della Calabria è possibile se le persone puntano sul senso di comunità e su un rinnovato senso civico. La tenacia e la perseveranza sono virtù ben note del popolo calabrese: è il momento di metterle al servizio di una terra che rinsaldi le proprie radici mentre si apre allo sviluppo e alla modernità». 

Il sottosegretario e l’importanza dell’editoria pura

Questa apertura – continua Barachini cogliendo il legame tra i due aspetti dell’iniziativa voluta dal gruppo, la prevenzione e la narrazione della Calabria – «significa anche nell’ambito della salute, cambiare mentalità e fare prevenzione, la prima alleata della nostra vita di oggi e del futuro. C’è piena consapevolezza da parte delle istituzioni, delle difficoltà che questa terra ha incontrato nel muoversi liberamente, a livello imprenditoriale. E per questo il lavoro quotidiano del Corriere della Calabria è ancora più significativo. Per giornali come questo, che hanno dietro le spalle un editore puro, l’obiettivo da perseguire è uno e uno soltanto: la fiducia dei lettori». 

«Le eccellenze del territorio per dare forma a un futuro nuovo»

«Per aiutare questa regione a progredire, a credere che una nuova dimensione di vita sia possibile, bisogna continuare ad accendere i riflettori sulle zone d’ombra, Certamente. Ma raccontare un territorio – aggiunge Barachini – non è soltanto raccontarne gli angoli bui, ma è anche quello di portare alla luce e le potenzialità. “Fatti ad arte”, la mostra che s’inaugura oggi nello storico Palazzo Gagliardi è una originale esposizione delle risorse di questo territorio che prendono la forma di vere e proprie opere d’arte: le sculture fatte con le nocciole, i quadri realizzati con le bottiglie del vino non soltanto mettono in luce il valore dell’agroalimentare calabrese, ma possono rinsaldare il senso di appartenenza di un popolo che ha bisogno di ripartire con slancio per dare forma a un futuro nuovo, parte di un Sud vitale e fiero». 

«Dare valore all’informazione e al lavoro dei giornalisti»

Il messaggio inviato a “La Meraviglia di stare al mondo” è, per Barachini, un’«occasione importante per cercare di parlare direttamente al cuore del popolo calabrese. Voi tutti sapete – dice – quanto sia delicato e tutt’altro che facile il lavoro del giornalista in questa terra, e so bene, da collega, quanto le difficoltà crescano a seconda del contesto che si vive. Dare valore all’informazione e al lavoro dei giornalisti vuol dire leggere con passione, approfondire giorno dopo giorno quanto portano alla nostra attenzione e instaurare un rapporto di fiducia, interagire o cercare di interagire con le redazioni. Una dinamica, per fortuna più immediata oggi, con il Web e Internet. Nell’editoria, la tradizione e l’innovazione non soltanto possono, ma devono integrarsi, avendo nel rispetto della legge e della correttezza deontologica, il terreno comune, la stella polare». 

«Calabresità sia sinonimo di una forza consapevole»

La chiosa è uno sprone all’orgoglio dell’appartenenza: «La Calabria è una terra con grandi risorse e potenzialità. Alcuni di voi usano spesso con orgoglio il termine calabresità. Vorrei che questo diventasse sinonimo di una forza consapevole, capace di uscire dai vostri confini». (redazione@corrierecal.it)

Il video:

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x