Ultimo aggiornamento alle 16:47
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

L’affondo

Riforma dei consorzi di bonifica, Fai Cisl, Flai Cgil, Uila Uil attaccano: «Poca concertazione»

I segretari generali Sapia, Vaiti e Barbalaco: «Si valorizzi il lavoro e le professionalità presenti all’interno degli enti consortili»

Pubblicato il: 30/05/2023 – 11:09
Riforma dei consorzi di bonifica, Fai Cisl, Flai Cgil, Uila Uil attaccano: «Poca concertazione»

LAMEZIA TERME «Dalle varie dichiarazione che leggiamo sulla riforma della bonifica calabrese, notiamo con rammarico che ad oggi poco spazio è stato dato al confronto rispetto al tema del lavoro». È quanto sostengono, in una nota, i segretari generali delle Organizzazioni sindacali reginali di categoria Michele Sapia (Fai Cisl), Caterina Vaiti (Flai Cgil) e Pasquale Barbalaco (Uila Uil) che aggiunge: «Riteniamo invece che, una complessiva riorganizzazione del “sistema della bonifica” in Calabria, per centrare gli obiettivi che tutti auspichiamo, quali la tutela del territorio e delle comunità̀, la garanzia dei fondamentali servizi al comparto agricolo regionale e il virtuoso utilizzo della preziosa risorsa idrica, debba necessariamente considerare come priorità la valorizzazione del lavoro e delle professionalità degli addetti che sono il vero braccio operativo degli enti consortili».
«Il comparto della bonifica calabrese – continua la nota – è stato contraddistinto da varie criticità, tagli e silenzi che si sono ripercossi soprattutto sul personale dipendente.
La riforma della bonifica è una occasione per ridisegnare questo fondamentale comparto, in una regione fragile e caratterizzata da diverse vocazioni agricole».
«Non ci appassiona il dibattito sulla denominazione e sulla semplice riformulazione perimetrale degli Enti consortili – affermano ancora – bensì occorre instradare un serio confronto rispetto al futuro e alle attività degli Enti Consortili, al ruolo delle maestranze, all’efficientamento gestionale e amministrativo, su come migliorare la qualità dei servizi e del lavoro, in una logica di sostenibilità ambientale coerente con i nuovi indirizzi dettati dalla transizione ecologica».
«Ribadiamo – concludono Sapia, Vaiti e Barbalaco – la nostra assoluta disponibilità a confrontarci su questi temi, per cui restiamo in attesa sia di conoscere un testo ufficiale di riforma per fare le nostre valutazioni e approfondimenti sia di una convocazione da parte della Regione e istituzioni».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x