Ultimo aggiornamento alle 23:15
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

L’inchiesta

Colpo di scena nel caso Orlandi, nelle indagini spunta il nome dello zio di Emanuela

Particolari inediti dal Tg di La7 sulla scomparsa nel 1983 della 17enne. Il legale della famiglia: «Nessuna novità»

Pubblicato il: 10/07/2023 – 22:26
Colpo di scena nel caso Orlandi, nelle indagini spunta il nome dello zio di Emanuela

ROMA Nel giallo, che dura oramai da 40 anni sulla scomparsa di Emanuela Orlandi spunta il nome dello zio Mario Meneguzzi, deceduto da tempo e marito di Lucia Orlandi, zia paterna della ragazza sparita a Roma nel 1983.
Secondo quanto emerge da un servizio del Tg de La7, alcuni mesi dopo la scomparsa della ragazza, l’allora Segretario di Stato Vaticano Agostino Casaroli scrisse, in via riservata, un messaggio per posta diplomatica a un sacerdote sudamericano inviato in Colombia da Giovanni Paolo II, che era stato in passato consigliere spirituale e confessore degli Orlandi. La missiva – sempre secondo quanto afferma il servizio – sollecitata da ambienti investigativi romani, puntava a chiarire se il religioso fosse a conoscenza del fatto che Meneguzzi avesse molestato la sorella maggiore di Emanuela. Una domanda a cui il religioso rispose in maniera affermativa.
Nella risposta al cardinal Casaroli, afferma ancora il servizio trasmesso nel Tg di La7, il religioso aggiungeva anche che la sorella maggiore di Emanuela le confidò di aver paura: le era stato intimato di tacere oppure avrebbe perso il lavoro alla Camera dei Deputati dove Meneguzzi, che gestiva il bar, la aveva fatta assumere qualche tempo prima.
Le lettere sono ora finite all’attenzione del promotore di giustizia e ai pm di Roma che da alcuni mesi hanno avviato indagini sulla scomparsa. I titolari dei procedimenti hanno effettuato un confronto tra l’identikit, fatto dal vigile e da in agente di polizia, dell’uomo a colloquio con Emanuela la sera della scomparsa e una foto dello zio, da cui emerge una somiglianza.
Chi indaga, sempre secondo quanto si afferma nel servizio, ha dunque ripreso in mano tutte le carte della prima inchiesta e sta mettendo a confronto le dichiarazioni della sorella di Emanuela, che in un verbale presente nei documenti delle vecchie indagini raccontò degli abusi, con una serie di atti per capire perché all’epoca dei fatti la pista “familiare” non venne approfondita.

Il legale della famiglia: «Nessuna novità»

«Di questa vicenda si era già occupata la magistratura italiana nei primi anni Ottanta senza arrivare ad alcun esito. Spero che queste non siano le uniche carte, che non sono affatto una novità, che la procura Vaticana ha inviato alla procura di Roma». Lo ha affermato il difensore di Pietro Orlandi, l’avvocato Laura Sgrò, in relazione a quanto reso noto dal tg di La7. Domani alle 16 è annunciata una conferenza stampa all’Associazione stampa estera, a Roma.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x