Ultimo aggiornamento alle 21:22
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Il processo

Le mani delle ‘ndrine sulle cave di porfido, attesa per la sentenza a Trento

Il 21 i giudici della Corte d’Assise emetteranno il verdetto. Lunedì riprende il dibattimento con i legali delle parti civili

Pubblicato il: 15/07/2023 – 14:23
Le mani delle ‘ndrine sulle cave di porfido, attesa per la sentenza a Trento

TRENTO È attesa per il 21 luglio la sentenza, in Corte d’assise a Trento, per il processo “Perfido”, il primo procedimento giudiziario per le presunte infiltrazioni della ‘Ndrangheta nel tessuto economico del porfido. Lunedì il dibattimento riprenderà con la parola ai legali delle parti civili.
Nella sua requisitoria la pm Maria Colpani ha parlato di «grave inquinamento del tessuto economico del territorio», di comportamenti volti a «depredare la ricchezza del territorio» e del «danno derivante dall’infiltrazione politica».
Su quest’ultimo aspetto la pm ha posto l’accento a partire proprio dal «deserto delle elezioni» a Lona-Lases, che per la terza tornata elettorale è rimasta senza sindaco e consiglio comunale, affermando di essere rimasta «impressionata» nel vedere un servizio televisivo con le persone che «scappavano quando il giornalista si avvicinava per chiedere qualche cosa su queste elezioni amministrative».
Per Walter Ferrari, membro del Coordinamento lavori porfido, da anni in prima linea per chiedere giustizia, «questo ci pare sufficiente a motivare la nostra ferma richiesta di una Commissione d’accesso per Lona-Lases, così come richiesto da noi, dal consigliere provinciale Alex Marini del Movimento 5 Stelle, dall’ex vice presidente della Commissione parlamentare antimafia della XVII legislatura Luigi Gaetti e dall’ex presidente della stessa Commissione della scorsa legislatura Nicola Morra».
Per questi motivi e per sostenere le ragioni dei tre operai cinesi che si sono costituiti parte civile, rappresentati dall’avvocato Sara Donini, il Coordinamento lavori porfido lunedì alle 8.30 sarà presente davanti al tribunale in concomitanza con la ripresa delle udienze e l’intervento delle parti civili. «Analoga iniziativa faremo il 21 luglio e pure presso la mensa degli operai del porfido di Albiano nei prossimi giorni, rinnovando il nostro sostegno e le nostre proposte in merito alla vertenza contrattuale in corso», aggiunge Ferrari.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x