Ultimo aggiornamento alle 20:20
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’intervento

«No alla soppressione della Soprintendenza archeologica per le province di Catanzaro e Crotone»

Il consigliere regionale Talerico contesta la proposta del ministro della Cultura Sangiuliano

Pubblicato il: 15/07/2023 – 16:15
«No alla soppressione della Soprintendenza archeologica per le province di Catanzaro e Crotone»

CATANZARO «Intervengo sulla proposta, da parte del Ministero della Cultura, di soppressione della Soprintendenza Archeologica di Catanzaro e Crotone. Qualche giorno fa si è appreso della notizia della probabile soppressione della importante istituzione che verrebbe accorpata con la sede di Cosenza. Inoltre, sempre a danno di Crotone, si paventa l’accorpamento del polo archeologico di Capocolonna con quello di Sibari. Orbene, la ricaduta di questi provvedimenti adottati da parte del Ministro Sangiuliano sarebbe un grave depotenziamento  dell’intera area centrale della Calabria.  Infatti, la proposta ruoterebbe attorno a tre pilastri: a) la soppressione del Segretariato Regionale con conseguente potenziamento della direzione dei musei calabresi dotati di speciale autonomia;  b) l’accorpamento degli istituti culturali di Capo Colonna con quelli di Sibari; c) la soppressione della Soprintendenza di Catanzaro e Crotone con il conseguente ritorno sotto l’egida di Cosenza» . Lo afferma il consigliere regionale Antonello Talerico. «Onestamente incomprensibile – aggiunge Talerico – la continua “depredazione” di importanti istituzioni dell’area centrale della Calabria operata da parte, sembra, di tutti i Governi di ogni colore politico, a tutto favore (a seconda delle convenienze) di altre sedi, senza che ciò avvenga in virtù di criteri chiari e ottimizzanti le performance dei vari Enti di volta in volta sottratti a questo Territorio della Calabria sempre più devalorizzato da politiche di quartiere. Ora si dovrebbe assistere anche “allo scippo” dei poli museali e della soprintendenza! Insomma, una continua “razzia” nel silenzio generale! E quel che è peggio: senza una istruttoria e senza una interlocuzione seria con i Territori interessati! Tornando all’assurdo accorpamento del parco archeologico di Capocolonna, al parco archeologico di Sibari, non può negarsi che umilia e penalizza Crotone, che per storia e rilevanza archeologica mantiene una posizione di netta prevalenza, riconosciuta da decenni di studi e di indagini. Il territorio crotonese rischia così di venire svuotato in termini di autonomia ma anche di prestigio e rilevanza storica. Non è campanile! E’ la legittima aspirazione di un intera comunità di essere messa in condizioni di gestire in autonomia il proprio ingente patrimonio culturale ed archeologico senza dipendere da altri, come avvenuto per secoli! Proprio in questo momento in cui si sarebbe dovuto valorizzare l’Antica Kroton ed il sistema ambientale, turistico e culturale da Crotone a Capo Colonna, si adottano provvedimenti che confermano la scarsa conoscenza dei territori ed il loro potenziale culturale, patrimoniale, storico e turistico.  Tra l’altro- rimarca ancora Talerico – quello che sgomenta è anche l’incomprensibile sperpero di soldi pubblici: prima (soli tre anni fa) si crea una Soprintendenza di Catanzaro e Crotone, con tutto il seguito di promesse e garanzie che si sarebbe puntato finalmente sul nostro territorio sia in ambito archeologico che museale; oggi si svuota tutto come se nulla fosse. Ci si chiede il perché di tanta insensatezza, di tanto pressappochismo e tanta miopia storica e culturale, proprio da parte di chi dovrebbe essere preposto alla sua tutela. Il Ministro Sangiuliano parla di “super musei” di “super dirigenti” (dunque ovviamente anche di super “stipendi”) ma perché non si concentra a dotare di una SUPER tutela il patrimonio storico, artistico e culturale di una regione come la Calabria che di turismo culturale (oltre che paesaggistico) potrebbe e dovrebbe vivere? Nella mia veste di consigliere regionale chiederò un intervento al Presidente Occhiuto affinché si possa trovare una soluzione che possa evitare l’ulteriore mortificazione dell’area centrale della Calabria, ove Catanzaro e Crotone sono certamente protagoniste».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x