Ultimo aggiornamento alle 21:02
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

la decisione

Reset, il presunto boss Piromallo resta in carcere. Ma il Riesame riduce le accuse

Annullata in parte l’ordinanza cautelare: «Nessuna prova che sia il titolare occulto delle attività finite al centro dell’inchiesta»

Pubblicato il: 20/07/2023 – 20:34
Reset, il presunto boss Piromallo resta in carcere. Ma il Riesame riduce le accuse

COSENZA Annullata in parte l’ordinanza cautelare a carico di Mario “Renato” Piromallo. Per il 58enne, uno dei principali imputati del processo “Reset”, decade l’accusa di intestazione fittizia di beni. A deciderlo il Tribunale del Riesame che ha ribadito quanto stabilito dalla Corte di Cassazione.
Secondo i giudici del Riesame, non ci sarebbe prova certa che Piromallo sarebbe il titolare occulto di alcune attività commerciali finite al centro dell’inchiesta della Distrettuale Antimafia. In particolare, non ci sarebbero riscontri sulla titolarità lavanderie, tabacchini, circoli ricreativi, campi di calcetto e società di gaming.
Da qui l’annullamento parziale dell’ordinanza – emessa lo scorso 1 settembre – che riguarda la specifica contestazione mossa dalla Procura antimafia.
Una decisione quella adottata dal Riesame che però non spalanca le porte del carcere per il 58enne che resta perciò in cella, ma indebolisce l’impianto accusatorio per quello che, secondo l’accusa, sarebbe uno dei presunti capi delle cosche cosentine.
A difendere Piromallo, gli avvocati Giorgia Medaglia e Luca Acciardi. (redazione@corrierecal.it)


Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x