Ultimo aggiornamento alle 17:00
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

STRAGE DI CUTRO

«Approssimative e fuorvianti le informazioni di Frontex sulla rotta del caicco»

La consulenza della procura di Crotone apre nuovi scenari nelle indagini sul tragico naufragio dei migranti avvenuto lo scorso 26 febbraio

Pubblicato il: 06/09/2023 – 9:08
«Approssimative e fuorvianti le informazioni di Frontex sulla rotta del caicco»

CROTONE «Le informazioni fornite da Frontex in merito a rotta e velocità erano molto approssimative e fuorvianti». Una importante svolta nelle indagini sul naufragio di Steccato di Cutro nel quale il 26 febbraio scorso morirono oltre 90 migranti arriva dalla consulenza della Procura di Crotone affidata all’ammiraglio Salvatore Carannante, consulenza i cui contenuti sono stati descritti dalla “Gazzetta del Sud”. La consulenza ricostruisce le ultime ore di navigazione del caicco “Summer Love”, evidenziando anzitutto la segnalazione del velivolo “Eagle 1” dell’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera che, alle 22.26.13 del 25 febbraio, ha avvertito la sua sede di Varsavia, e successivamente le autorità italiane, della presenza in mare di «un’imbarcazione sospetta» che procedeva ad una velocità di 6 nodi con una rotta di 296 gradi. «Dalla posizione dell’imbarcazione – scrive l’ammiraglio Carannante – sulla cartografia Open street map, come indicata da “Eagle 1”, tracciando la rotta di 296 gradi verso la costa, l’unità coi possibili migranti sarebbe dovuta giungere nella zona della baia di Copanello (Catanzaro), quindi ben più a sud-ovest di Steccato di Cutro… La distanza che l’imbarcazione avrebbe dovuto percorrere seguendo la rotta indicata da “Eagle 1” nel report di missione, sarebbe stata di circa 53 miglia nautiche» e, con la velocità di 6 nodi rilevata dall’aereo di Frontex, il caicco «avrebbe dovuto compiere tale percorso in circa 9 ore dall’ora di avvistamento (22.26.13) e giungere sulla costa all’incirca alle ore 7.20 della mattina del 26 febbraio». Infatti, il consulente spiega che dai due fotogrammi forniti da Frontex emergerebbe che il barcone «stava procedendo ad una velocità media di circa 7,3 nodi e non di 6 nodi», che dalle «due posizioni rilevate da “Eagle 1” su cartografia di Open street map» emerge che «la rotta media seguita dall’imbarcazione in questo lasso di tempo era di 325 gradi e non 296 gradi come indicato nel rapporto di missione»: con tale rotta – riferisce la consulenza – il caicco «sarebbe giunto a Isola Capo Rizzuto, ovvero in una posizione di circa 8 miglia nautiche più ad est dal luogo dove sono stati poi trovati i rottami del relitto».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x