Ultimo aggiornamento alle 10:00
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’arresto

Stalking e vessazioni alla compagna, ai domiciliari 45enne di Cosenza

Per la donna minacce di morte, e privazioni: la sottrazione di monili, la distruzione del cellulare e persino la sparizione di un gatto

Pubblicato il: 19/09/2023 – 14:32
Stalking e vessazioni alla compagna, ai domiciliari 45enne di Cosenza

Nel pomeriggio di ieri, personale della Polizia di Stato ha tratto in arresto un uomo di 45 anni residente a Cosenza, in quanto resosi responsabile del reato maltrattamenti e stalking nei confronti di una sua ex convivente.
Nei primi giorni del mese di agosto, una donna, ormai esasperata e terrorizzata dal suo ex, si è presentata negli uffici della Squadra Mobile della Questura di Cosenza, decisa a raccontare ai poliziotti il dramma che stava da tempo vivendo e subendo.
In particolare, la vittima presentatasi presso questi uffici ha raccontato agli operatori di Polizia di avere intrattenuto con l’indagato una relazione sentimentale definita travagliata, iniziata tre anni prima. I fatti relativi ai maltrattamenti risalgono al mese di ottobre del 2022 e sono proseguiti fino alla rottura dei rapporti avvenuta nell’agosto del 2023, allorquando la donna lasciava l’abitazione di Cosenza ove viveva con il compagno; fatti gravi caratterizzati da violenze fisiche e verbali, causate anche dall’abuso di alcool da parte dell’uomo, perpetrate anche davanti ai figli della donna.
La donna è stata costretta a subire minacce, anche di morte, e privazioni di ogni sorta, quali la sottrazione di monili, la distruzione del cellulare e persino la sparizione di uno dei suoi animali domestici, un gatto, che fra l’altro era stato ritratto dall’uomo in una foto, privo di vita, inviata allo smartphone della donna per minacciarla.
Le condotte vessatorie, tuttavia, non si sono interrotte al termine della relazione ma da allora e fino a tutt’oggi, la denunciante è stata costretta a subire continue aggressioni verbali, a ricevere visite indesiderate dell’uomo. Inoltre le condotte persecutorie hanno avuto quali destinatari anche amici della vittima, anche loro minacciati, finanche di morte, nel corso di numerose telefonate ricevute ad opera dell’indagato. Condotte perduranti che hanno cagionato nella vittima un grave stato d’ansia e di paura, nonché un fondato timore per la propria incolumità, tanto da costringerla a cambiare abitudini di vita e a trasferirsi dalla madre, in provincia di Cosenza.
L’attività d’indagine, avviata a seguito della denuncia della donna, coordinata dalla Procura della Repubblica di Cosenza diretta dal procuratore capo Mario Spagnuolo, ha consentito di accertare i reati contestati e di assicurare l’uomo alla giustizia che è stato rintracciato dai poliziotti della Squadra Mobile e sottoposto alla misura degli arresti domiciliari.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x