Ultimo aggiornamento alle 22:14
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’audizione

Sciame sismico ai Campi Flegrei, rischio eruzione violenta

È tra i due gli scenari ipotizzati dall’Ingv: «Non possiamo prevedere gli effetti»

Pubblicato il: 28/09/2023 – 15:19
Sciame sismico ai Campi Flegrei, rischio eruzione violenta

NAPOLI Sul fenomeno del bradisismo e del rischio sismico nei Campi Flegrei (in provincia di Napoli) è intervenuto Carlo Doglioni, presidente dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Invg). «La nostra preoccupazione è legata sia alla sismicità sia al fatto che queste temperature in particolari località potrebbero dare origine a piccole esplosioni freatiche che non sono eruzioni di magma, ma è acqua che in questo stadio super critico può dare delle esplosioni», ha detto in audizione alla Camera, per poi aggiungere: «Considerato che negli ultimi mesi la sismicità non fa altro che aumentare, in questo momento non vediamo la fine. Può darsi che arrivi rapidamente come può darsi che invece l’evoluzione possa essere ancora più dirompente».
Tra i due scenari Doglioni chiarisce quindi che due sono gli scenari possibili che si delineano sull’evoluzione della situazione: il migliore è che la crisi del bradisismo in corso termini, come era accaduto nel 1983-84, il peggiore è un’eruzione simile a quella del 1538. Si tratta, precisa, di «un’evoluzione che non conosciamo e che monitoriamo».

L’eruzione del 1538

Il presidente dell’Ingv spiega quindi che «lo scenario meno critico è quello di una situazione analoga alla crisi del 1982-84», cioè una crisi bradisismica che «è durata due anni e poi si è fermata», mentre «al momento lo scenario più critico è un’eruzione come quella del Monte Nuovo», che risale al 1539, la più recente tra le oltre 70 eruzioni esplosive avvenute nei Campi Flegrei. Si tratta di un evento molto diverso da quello avvenuto 39mila anni fa, quando l’eruzione liberò oltre 400 metri cubi di materiale.
Nel caso di un’eruzione, aggiunge Doglioni, «non sappiamo né quando né dove potrebbe avvenire. E, per quanto piccola, provocherebbe un disagio sociale». E comunque, conclude, «è impossibile pensare che i Campi Flegrei si spengano perché sono un vulcano attivo».

Il vulcanologo: «Alto il rischio, ipotesi di evacuare gli edifici»

Un altro dirigente dell’Ingv, Giuseppe De Natale, ha scritto al prefetto di Napoli il 18 settembre parlando della necessità di attenuare il rischio sismico verificando la vulnerabilità degli edifici in un’area estesa 20 km, a cominciare da scuole ospedali, uffici pubblici, valutando anche l’evacuazione di migliaia di persone tra l’area di Pisciarelli e quella della Solfatara. La segnalazione, ha fatto sapere il viceprefetto Simonetta Calcaterra, «trattando temi scientifici suscettibili di approfondimento, è stata inviata alla Protezione civile nazionale, all’Ingv e alla Regione Campania». E ha aggiunto che «la prefettura, nell’ambito delle proprie competenze sul piano operativo e di pianificazione, collabora con le autorità nazionali preposte».
Il vulcanologo ritiene che, se il sollevamento del suolo non si fermerà, si rischia un terremoto molto più forte e quindi, come scrive De Natale, «è alta la probabilità che avvengano scosse anche più forti del periodo ’83-84».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x