Ultimo aggiornamento alle 15:33
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la rilevazione

Ecco la Calabria che non ti aspetti: l’export della regione cresce di oltre il 20%

L’Istat registra l’andamento positivo delle esportazioni nel primo semestre 2023: siamo il territorio più dinamico dopo la Campania

Pubblicato il: 01/10/2023 – 7:54
Ecco la Calabria che non ti aspetti: l’export della regione cresce di oltre il 20%

LAMEZIA TERME La Calabria che non ti aspetti, la Calabria che per una volta si associa al segno più: per l’Istat la nostra regione è una di quelle che trainano l’export nazionale. Secondo l’ultima rilevazione dell’istituto infatti nel primo semestre 2023, le regioni più dinamiche all’export sono Campania (+25,5%), Calabria (+20,6%), Marche (+18,2%), Molise (+16,2%) e Piemonte (+15,6%), che da solo contribuisce per 1,4 punti percentuali alla crescita tendenziale dell’export nazionale.

Il report dell’Istat

«Nel secondo trimestre 2023 – scrive l’Istat – si stima una flessione congiunturale delle esportazioni per tutte le ripartizioni territoriali, a eccezione del Nord-ovest che risulta stazionario. La riduzione è molto ampia per il Centro (-15,7%), più contenuta per il Nord-est (-2,6%) e per il Sud e Isole (-2,4%). Nel periodo gennaio-giugno 2023, la crescita su base annua dell’export in valore (+4,2%) mostra notevoli differenziazioni territoriali: l’aumento delle esportazioni è marcato per il Sud (+14,0%), di poco superiore alla media nazionale per il Nord-ovest (+6,6%) e per il Centro (+5,3%), più contenuto per il Nord-est (+1,7%), mentre per le Isole si rileva una decisa contrazione (-19,6%). Nel primo semestre 2023, le regioni più dinamiche all’export sono Campania (+25,5%), Calabria (+20,6%), Marche (+18,2%), Molise (+16,2%) e Piemonte (+15,6%), che da solo contribuisce per 1,4 punti percentuali alla crescita tendenziale dell’export nazionale. La performance positiva di Lombardia (+3,5%) e Toscana (+10,4%) fornisce un ulteriore contributo di 1,8 punti. Per contro, si segnalano le dinamiche negative di Lazio (-9,4%), Sicilia (-17,2%), Sardegna (-24,3%) e Friuli-Venezia Giulia (-9,7%). Nello stesso periodo, l’aumento delle vendite di autoveicoli dal Piemonte e di macchinari e apparecchi non classificati altrove (n.c.a.) da Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto spiega per 1,9 punti percentuali la crescita dell’export nazionale; un ulteriore contributo di 1,4 punti deriva dalle esportazioni di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici da Marche, Toscana e Campania. All’opposto, la contrazione dell’export di prodotti petroliferi raffinati da Sicilia e Sardegna, in particolare, e dalla Liguria fornisce un contributo negativo di 0,9 punti percentuali alla variazione delle esportazioni».  Nell’analisi provinciale dell’export, si segnalano le performance positive di Torino, Milano, Napoli, Ascoli Piceno, Livorno e Siena. Per quanto riguarda le province calabresi, dalle tabelle dell’Istat si osserva un buon contributo all’export nazionale della provincia di Reggio Calabria, abbastanza stabili le altre. I maggiori contributi negativi derivano da Siracusa, Cagliari e Latina. (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x