Ultimo aggiornamento alle 21:07
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

mercati

Porti, da Barcellona fronte comune sulla normativa Ets. Gioia Tauro d’accordo sulla moratoria

Il presidente Agostinelli e il segretario generale di Assarmatori hanno proposto di estendere il gruppo di lavoro agli altri scali nord europei

Pubblicato il: 11/11/2023 – 23:23
Porti, da Barcellona fronte comune sulla normativa Ets. Gioia Tauro d’accordo sulla moratoria

Oggi a Barcellona presso il World Trade Center,  i presidenti dei porti spagnoli e  il presidente del’Espo (European Sea Port Organization) Zeno d’Agostino hanno partecipato ad un meeting organizzato dall’Autorità Portuale di Barcellona per individuare una linea comune sul tema della normativa Ets. Il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale dei Mari Tirreno meridionale e Ionio Andrea Agostinelli e il dott. Alessandro Guerri, anch’essi al tavolo, hanno insistito perché la comunità portuale europea comunichi ad una voce sola l’esigenza di modificare le norme della direttiva Ets. Il messaggio è stato ribadito dal segretario generale di Assarmatori Alberto Rossi che ha partecipato all’incontro  portando al tavolo dell’esperienza del recente incontro a Bruxelles con la Commissione europea 
Nell’occasione è stato presentato uno studio che analizza gli effetti della possibile delocalizzazione dei traffici di transhipment specialmente nei porti nella sponda sud del mediterraneo anche se è è stato ricordato , dagli intervenienti, che alcuni principali porti nordeuropei sono soggetti a rischi analoghi. Tra i rischi evidenziati in particolare quello della sicurezza degli approvvigionamenti e delle catene logistiche e del sistema industriale europeo che da queste dipende.
Il rischio delocalizzazione è reale se non certo e potrebbe essere non reversibile. Una volta persi, gli scali transshipment non torneranno in territorio europeo. A nulla serviranno le revisioni  della direttiva a due anni di distanza. Bisogna intervenire ora prima che vengano fermati o dirottati gli investimenti con drammatiche conseguenze sul piano portuale, logistico, industriale economico e sociale. 
Il presidente Agostinelli e il segretario generale di Assarmatori Rossi hanno entrambi proposto di estendere il gruppo di lavoro che si è instaurato tra i porti spagnoli e italiani, non solo agli altri porti mediterranei o atlantici del quadrante sud ma anche ai porti nord europei.
Il tema è globale e include certamente il settore portuale e logistico ma successivamente graverà sul comparto della produzione.
La riunione si è conclusa tra l’apprezzamento generale e sulla consapevolezza che a fronte dell’unità della comunità portuale europea le Istituzioni europee saranno più sensibili circa la possibile modifica della direttiva; è stato infine condiviso da tutti che la misura di maggior buon senso ed equilibrio da adottarsi nel breve periodo è il cosiddetto “stop the clock” ossia una moratoria sull’efficacia del meccanismo Ets sulle tratte di primo ingresso e di uscita delle navi dall’ambito europeo.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x