Ultimo aggiornamento alle 2:11
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

I dati

Welfare, Calabria fanalino di coda. «Pochi servizi e troppa disoccupazione»

L’analisi del Sole24Ore: «Distanza siderale con le altre regioni. Catanzaro e Bologna come se fossero di paesi diversi»

Pubblicato il: 14/11/2023 – 21:09
Welfare, Calabria fanalino di coda. «Pochi servizi e troppa disoccupazione»

Contesti socioeconomici così diversi da far pensare che «quando si parla di Catanzaro e Bologna non si stia parlando di città dello stesso Paese». È l’impietosa analisi che emerge dal Welfare Index 2023, realizzato dal gruppo Unipol con The European House – Ambrosetti e analizzato dal Sole24Ore. La Calabria si posiziona all’ultimo posto tra le regioni in termini di spesa dedicata ai servizi, con un punteggio di 56,7, ben distante dal’83,3% della Provincia Autonoma di Bolzano. Un divario Nord-Sud che, invece di diminuire, aumenta di anno in anno. Valerio De Molli, ceo di The European House – Ambrosetti, spiega alla rivista economica come ci sia «una forte polarizzazione» tra i due estremi d’Italia, con «26,6 i punti percentuali che separano la Calabria da Bolzano».

L’analisi

La situazione critica della Calabria, secondo la rivista, è evidente in tutti i settori. La percentuale di Neet, giovani che non studiano né lavorano, è del 32% a fronte di una media nazionale del 19%. La disoccupazione si assesta al 14,6%, anche in questo caso il doppio rispetto al resto d’Italia. Spese basse anche per quanto riguarda la sanità e per i servizi che favoriscono la genitorialità e l’inclusione delle donne a lavoro: «se prendiamo gli asili nido, nella spesa media regionale per utente fruitore l’importo si ferma a 2.182 euro, contro una media di 8.913».

«L’infrastruttura sociale non regge»

La rivista si concentra poi sul caso calabrese, rilevando come le criticità siano alte. «La Calabria ha una performance negativa della sanitaria pubblica pro capite, con 2.041 contro i 2.329 della media nazionale». Classifica invertita se si considera, invece, l’indice di deprivazione abitativa (2,4%). Guadagna le prime posizioni invece per quanto riguarda l’importo medio di reddito e pensione di cittadinanza e la spesa pubblica per consumi finale pere istruzione e formazione. 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x