Ultimo aggiornamento alle 6:55
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

palazzo campanella

«Confermati 3 anni per realizzare l’ospedale di Vibo, massima attenzione alla legalità»

Intervento del democrat Mammoliti che in Commissione sanità ha anche illustrato la sua proposta di legge per abbattere le liste di attesa

Pubblicato il: 13/12/2023 – 16:18
«Confermati 3 anni per realizzare l’ospedale di Vibo, massima attenzione alla legalità»

VIBO VALENTIA «Durante la riunione della Commissione sanità di ieri l’Ing. Gidaro, in merito alla costruzione dei nuovi ospedali, ha confermato le previsioni relativamente alla realizzazione del nuovo ospedale di Vibo Valentia che dovrebbe essere operativo fra tre anni. Il percorso sta procedendo verso la definizione del rapporto finale per il progetto esecutivo. Mi preme sottolineare ancora una volta che la costituzione del nuovo ospedale rappresenta un obiettivo strategico e fondamentale per affermare l’esigibilità dei Lea e per l’affermazione della legalità, considerato che il settore della sanità ha già subito lo scioglimento dell’Asp nel 2010 per infiltrazioni mafiose. Inoltre diverse vicende giudiziarie hanno riguardato la costruzione dello stesso ospedale e attualmente è stata predisposta dalla Prefettura di Vibo la commissione d’accesso agli atti». Così il consigliere regionale del Pd Raffaele Mammoliti, vicepresidente della Commissione Bilancio. «Bisogna, dunque, prestare l’attenzione necessaria e vigilare costantemente, perché a mio avviso – prosegue Mammoliti – è in gioco sulla costruzione del nuovo ospedale di Vibo la supremazia dello Stato contro il malaffare. Durante i lavori della Commissione, inoltre, ho proceduto ad illustrare il provvedimento di legge n 134/XII recante” modifica all’art.14 comma 3 della Legge regionale del 19 Marzo 2004 n.11 Piano regionale per la Salute 2004/2006”. La sanità calabrese purtroppo costringe i cittadini ad attendere tempi lunghi per sottoporsi ad esami medici e clinici, nonché ad interventi chirurgici. Tutto ciò incide negativamente sull’effettività del diritto alla salute e costringe molti a varcare i confini regionali con evidenti svantaggi sociali ed economici per le persone e le famiglie oltre che costringe la regione ad un esborso di circa 300 milioni di euro all’anno. In ragione di ciò, con le modifiche normative proposte, il commissario/presidente già al momento della nomina dei direttori generali /commissari straordinari delle Aziende del servizio sanitario regionale dovrà assegnare tra gli obiettivi prioritari da perseguire l’abbattimento dei tempi delle liste di attesa e l’abbattimento della mobilità passiva. Il presidente della Commissione si è favorevolmente pronunciato per un approfondimento dei contenuti e si è impegnato a esperire un esame abbinato in ordine ad alcuni provvedimenti già definiti che trattano la problematica delle liste di attesa inserendo naturalmente anche quella relativa alla mobilità passiva. In tale direzione sarà portato, eventualmente, in Consiglio un testo condiviso. Sono fiducioso – conclude Mammoliti – che anche su tali criticità si possano definire provvedimenti condivisi per migliorare l’offerta delle prestazioni e dei servizi del sistema sanitario calabrese».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x