Ultimo aggiornamento alle 23:22
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 14 minuti
Cambia colore:
 

le posizioni

Elezioni provinciali a Catanzaro e Cosenza. Le reazioni e i commenti

Urne chiuse, verdetti emessi, ora è il tempo dell’analisi. Arrivano puntuali le riflessioni dei partiti

Pubblicato il: 21/12/2023 – 11:31
Elezioni provinciali a Catanzaro e Cosenza. Le reazioni e i commenti

CATANZARO Urne chiuse, verdetti emessi, ora è il tempo dell’analisi. A poche ore dai risultati definitivi delle elezioni provinciali di Cosenza e Catanzaro, arrivano puntuali i commenti dei protagonisti. Il segretario – non più autosospeso del Pd di Cosenza – Vittorio Pecoraro parla di «sforzo congiunto del Partito Democratico e delle forze politiche alleate che ha generato risultati importanti e significativi: la lista “Provincia Democratica” si è dimostrata forte e competitiva, risultando essere, in termini di consiglieri eletti, la prima lista insieme a quella associata alla Presidente Succurro. Non è il momento di lasciarsi andare a facili entusiasmi, ma le elezioni per il nuovo Consiglio Provinciale di Cosenza, pur non coincidendo con il rinnovo della carica della Presidente della Provincia, hanno dimostrato concretamente che in questa provincia esiste un centrosinistra radicato nel territorio ed in grado di contrastare la destra. Ora dobbiamo essere un’opposizione dura e intransigente e lavorare per consolidare la presenza politica organizzativa del centrosinistra, specialmente nei comuni più piccoli». Al commento del segretario della federazione provinciale dem cosentina, si aggiunge quello del parlamentare della Lega Domenico Furgiuele. «Il risultato della lista della Lega alle elezioni per il rinnovo del consiglio provinciale di Catanzaro è un motivo di grande soddisfazione. La nostra compagine è la più votata e porta nel consesso dell’ente intermedio una folta rappresentanza. Agli eletti, che hanno saputo creare le condizioni per questo esito positivo ,giunga un augurio sincero di buon lavoro in un ente che, nonostante i disastri patiti dalla scellerata “riforma” Del Rio, ha ancora tanto da dare alle comunità del territorio provinciale. Ma un grazie sentito va a tutti i candidati che ci hanno permesso di diventare il primo partito. Un ringraziamento anche al presidente Mormile per il proprio operato all’insegna della sobrietà e della concretezza, e ovviamente un plauso al presidente del Consiglio regionale Filippo Mancuso e al Consigliere Pietro Raso per aver contribuito a costruire una squadra dal forte radicamento istituzionale e territoriale». «Un pensiero particolare poi alla generosità del sindaco di Gizzeria – dice Furgiuele – il grande amico Francesco Argento, i cui buoni risultati  amministrativi, per di più in un centro importante del litorale lametino, sapranno di certo tornare utili all’azione della provincia di Catanzaro. Ma la mia soddisfazione è motivata anche dal fatto che questo turno elettorale ha confermato la maturità della Lega, e la sua indispensabilità nella tenuta vincente della coalizione di centrodestra. La Lega dimostra a quei pochi che l’avevano qualificata qualche tempo fa come ‘meteora’ che sa essere un aggregatore di competenze ed esperienze di grande valenza, senza il quale non esiste coalizione». Luciana De Francesco, consigliera regionale di Fratelli d’Italia e presidente della Prima commissione consiliare celebra «il successo della lista Ad Maiora, espressione di Fratelli d’Italia, alle elezioni per il rinnovo del consiglio provinciale di Cosenza. Abbiamo eletto due consiglieri, Pasquale De Franco e Giancarlo Lamensa, due persone di grande spessore».
«Un risultato straordinario, che premia il buon governo ed una linea politica ispirata a concretezza e moderazione»: così il coordinatore provinciale di FI Cosenza, nonché assessore regionale all’agricoltura, Gianluca Gallo, commenta l’esito delle elezioni di secondo grado per il rinnovo del Consiglio provinciale di Cosenza, con gli azzurri che sono risultati essere il partito più votato in assoluto, capace di eleggere 4 consiglieri (con un quinto mancato per poche decine di voti ponderati). «Il significativo consenso registrato gli amministratori dei Comuni cosentini – afferma Gallo – è indice dell’apprezzamento espresso per il lavoro svolto in Provincia dalla Presidente Succurro e per la spinta riformatrice di cui è espressione e motore, in Regione, il Presidente Occhiuto: il territorio ha finalmente interlocutori certi e affidabili, con un centrodestra che si conferma e si afferma come coalizione guida». Aggiunge Gallo: «Forza Italia, nello specifico, viene premiata anche sotto il profilo squisitamente politico, per effetto del suo capillare radicamento nel Cosentino e per la chiarezza della sua proposta politica. Un successo che ci inorgoglisce e, al tempo stesso, ci carica di responsabilità». Conclude Gallo: «Nel rivolgere i sinceri auguri di buon lavoro a tutti gli eletti, rinnovo il nostro impegno a proseguire lungo la strada intrapresa».
«Con un risultato eloquente, il centrodestra unito ha stravinto le elezioni per il rinnovo del Consiglio provinciale di Cosenza», afferma, in una nota, la presidente della Provincia di Cosenza, Rosaria Succurro, che aggiunge: «Con un grande gioco di squadra, il centrodestra ha addirittura migliorato il proprio consenso rispetto al voto precedente: da otto eletti del centrodestra e otto del centrosinistra, ora, con la diminuzione del numero dei consiglieri, passiamo a otto della nostra maggioranza e quattro della minoranza». «Sono felicissima – prosegue la presidente Succurro – per il dato eccellente di Forza Italia, che si conferma il primo partito della coalizione con quattro consiglieri; il quinto non è scattato per soli 100 punti. Soprattutto, il dato di Forza Italia è straordinario in tutte le fasce di voto, tenuto conto che il Pd, che partiva con il governo dei grandi Comuni, ha preso 18mila punti nella fascia superiore e poi solo altri sei, 7mila in tutte le altre fasce. Ciò significa che Forza Italia ha un radicamento capillare in tutto il territorio della Provincia, il che ci fa ben sperare in vista dei prossimi appuntamenti elettorali». «Presto – conclude la presidente Succurro – incontrerò tutti i consiglieri per congratularmi con loro di persona. Intanto rivolgo tanti auguri ai nuovi eletti e ringrazio chi è stato finora al nostro fianco e continuerà ad esserci per migliorare il territorio e proseguire sulla strada del cambiamento concreto».
Il coordinamento provinciale di Fratelli d’Italia Catanzaro annota: «Lo straordinario successo della lista Venti da Sud e dei rappresentanti di Fratelli d’Italia alle elezioni per il rinnovo del Consiglio provinciale di Catanzaro, nell’ambito di una straordinaria vittoria del centrodestra, dimostra il forte radicamento del partito in tutte le realtà del territorio della provincia. Rivolgiamo le nostre congratulazioni e gli auguri di buon lavoro ai consiglieri riconfermati: il vice presidente dell’Ente Francesco Fragomele, Pietro Fazio e Mimmo Donato. Il successo della lista – ancora più significativo perché costruito nei tanti piccoli centri della provincia, potendo contare solo su una piccola rappresentanza di amministratori nelle città più grandi – è il frutto dell’ottimo lavoro svolto nei primi anni di amministrazione dai consiglieri uscenti, e dell’impegno e del radicamento sul territorio dei dirigenti del partito, a partire dal consigliere regionale Antonio Montuoro e dall’assessore regionale Filippo Pietropaolo, ai rappresentanti di Gioventù Nazionale. La delegazione di Fratelli d’Italia, che ha dimostrato di saper rappresentare le istanze di tutti i comprensori della provincia, continuerà a dare il proprio autorevole ed efficace contributo all’azione dell’Amministrazione provinciale guidata dal presidente Amedeo Mormile».
A sua volta, il presidente della Provincia di Catanzaro Amedeo Mormile dice: «A seguito dell’esito delle votazioni per il rinnovo del Consiglio provinciale di Catanzaro, desidero esprimere un ringraziamento a tutti coloro che hanno deciso di candidarsi e auguro buon lavoro a tutti gli eletti. I nuovi componenti dell’Assemblea di Palazzo di Vetro conoscono bene le difficoltà che da anni penalizzano l’Ente e sono convinto sapranno raccogliere la sfida di attuare azioni di concreto rilancio con spirito di responsabilità, condividendo le scelte strategiche che dovranno essere assunte. Da parte mia troveranno puntuale disponibilità all’ascolto delle esigenze dei territori e porte aperte al confronto al fine di addivenire alle soluzioni più utili per la collettività. Sono fiducioso che, come già avvenuto in passato, le forze politiche assumeranno l’impegno di condurre un ambizioso programma di riscatto della nostra Provincia. Infine, mi preme rivolgere un personale ringraziamento a coloro che non faranno più parte del Consiglio per l’egregio lavoro svolto. L’apporto di ciascuno è stato significativo e prezioso, costituirà la base per proseguire con l’attività riformatrice che ha contrassegnato gli ultimi anni della Provincia». Il neo consigliere Eugenio Riccio ringrazia la squadra e, in particolare, Filippo Mancuso. «Il risultato della lista “La Provincia ci Lega”, la più votata in assoluto nel territorio catanzarese, è frutto dello straordinario lavoro sistematicamente dispiegato da noi tutti, ciascuno per la propria parte e competenza, a beneficio dei cittadini. Le preferenze espresse da tantissimi amministratori locali, ottenute grazie ai candidati che si sono messi in gioco sulla base delle proprie esperienze politiche e capacità, premiano una squadra forte, compatta e decisa a impegnarsi per garantire prospettive di futuro alla provincia e all’area centrale della Calabria. Ma soprattutto le preferenze riconoscono la valenza delle linee programmatiche del nostro partito e la qualità, generosità e determinazione della leadership di Filippo Mancuso, a cui va il mio sincero e personale ringraziamento. Si avrà modo di analizzare più approfonditamente l’esito elettorale, ma per ora c’è solo da ribadire l’opinione, più volte espressa dal Presidente del Consiglio regionale, secondo cui quando il centrodestra supera intralci interni e si presenta unito, all’insegna dei suoi valori fondanti, non teme rivali e vince e stravince. Come è avvenuto nel Paese, alla Regione e com’era già accaduto per la scelta del Presidente della Provincia di Catanzaro, quando Amedeo Mormile, sindaco di un piccolo paese, ha surclassato il sindaco del capoluogo regionale. Resto convinto, infine, che è da questo dato numerico e politico, che vede il centrodestra coeso, si deve proseguire per costruire una piattaforma, connotata da un perimetro chiaro e netto, che consenta all’aggregazione di proiettarsi su orizzonti ancora più interessanti. Le peculiarità della situazione della Provincia di Catanzaro, ottimamente guidata dal presidente Mormile, impongono al nuovo Consiglio di continuare ad agire con pragmatismo, risolutezza e senso di responsabilità. Requisiti che, al di là delle fisiologiche differenziazioni, sono già presenti e consentiranno di affermare il nostro progetto politico».
«Confermiamo di essere un partito di forte attrattiva per i cittadini calabresi ma soprattutto un partito radicato nei territori e attento alle minoranze. Come quella italo-albanese che abbiamo portato addirittura nella denominazione del simbolo». Il consigliere regionale Francesco De Nisi, segretario regionale di “Azione” in Calabria, saluta con entusiasmo gli eccellenti risultati ottenuti dal Partito che alle Elezioni Provinciali piazza “due colpi”. A Cosenza, con una percentuale di consensi del 9,6%, in consiglio si conferma Ferdinando Nociti (sindaco di Spezzano Albanese ed ex presidente pro tempore dell’ente intermedio cosentino) mentre a Catanzaro, dove il riscontro per il partito di Carlo Calenda è stato del 9,2, sugli scranni provinciali siederà Tommaso Berlingò (assessore comunale a Sersale). «Numeri che parlano chiaro e testimoniano la qualità del lavoro svolto per ridare fiato ai comprensori calabresi – aggiunge De Nisi -. Numeri che assumono un significato ancora più pregnante se si pensa che, dopo poco più di un mese dalla celebrazione dei congressi provinciali e regionale in cui sono stati costituiti gli organi di governo del partito, al primo appuntamento elettorale in cui “Azione” è scesa in campo con il proprio simbolo è stato sfiorato il 10 per cento in entrambe le Province». «C’è, inoltre, un ulteriore dato che non può essere sottaciuto. Il nostro è stato l’unico partito in questa ultima competizione elettorale che ha voluto dare valore alle minoranze ed al carico di identità, culture e tradizioni che esse apportano alla nostra Regione. In provincia di Cosenza, ad esempio, a riguardo, è stato lanciato un segnale forte. Non solo il Partito ha solidificato le posizioni nei centri più importanti ma lanciato un segnale forte e concreto per trascinare le periferie al centro dell’azione politica. Con questo spirito, infatti, si è arrivati all’elezione di Ferdinando Nociti che non è solo un amministratore conosciuto e apprezzato, ma è anche rappresentante di quella comunità arbëreshe che in Calabria conta ben 30 comunità e che ha bisogno di una concreta rappresentatività». De Nisi guarda al futuro ed evidenzia che la strada tracciata in Calabria è quella giusta. «Non dobbiamo sentirci arrivati – evidenzia -. Occorre insistere con la nostra politica fatta di pragmatismo e poca retorica. Continueremo ad essere vicini ai territori con proposte concrete che vadano nella direzione più aderente alle questioni che maggiormente attanagliano la nostra terra. Sia alla Provincia di Cosenza, come a quella di Catanzaro, possiamo contare sull’apporto dei consiglieri Nociti e Berlingò che, di sicuro, nel superiore interesse del bene collettivo, anche con la sinergia e la collaborazione degli apparati del partito, sapranno concretizzarne gli ideali dando seguito al proficuo ruolo di amministratori comunali fin qui interpretato». Poi conclude: «Sono sicuro che per la Calabria ci sia un futuro migliore, basta solo esaltarne prerogative e potenzialità. “Azione” è già in azione, per tutta la gente, soprattutto i giovani, di questa terra».
«Un risultato importante quello di “Azione” che alla tornata elettorale per il rinnovo del Consiglio provinciale, svoltasi ieri a Catanzaro, conta ben 8.311 voti e un consigliere eletto, Tommaso Berlingò al quale la segreteria provinciale guidata da Roberto Guerriero rivolge un sentito augurio di buon lavoro», si legge in una nota. «Congratulazioni – prosegue la nota – per il risultato ottenuto con imponente lavoro di squadra e impegno dei candidati della lista in lizza a cui si aggiunge la soddisfazione per un risultato che non era per nulla scontato. Guerriero ha voluto sottolineare il significato della “partecipazione del giovane partito di ispirazione riformista, che ha recentemente concluso i suoi congressi con l’elezione degli organismi e la duplicazione dei tesserati. Questi risultati, ottenuti in poco più di un mese, alimentano la speranza di costruire una nuova identità politica che si afferma nelle istituzioni, con l’obiettivo di apportare un’accelerazione e una svolta per il futuro della provincia”. Il segretario provinciale Guerriero ha evidenziato, inoltre, che il risultato ottenuto a Catanzaro è analogo a quello registrato a Cosenza, sottolineando la crescita e l’ancoraggio di Azione in tutta la Calabria. “In questo contesto – sottolinea ancora Guerriero – esprimo la mia sincera gratitudine a tutti i candidati per la loro disponibilità e il lavoro svolto. Un ringraziamento speciale è rivolto al Presidente dell’Assemblea Provinciale di Azione, Fernando Sinopoli, per la sua notevole disponibilità e impegno dimostrato nel corso degli anni. Questo risultato non fa che dar eco all’importanza della politica come strumento di partecipazione e radicamento. L’obiettivo ambizioso di Azione è quello di contribuire attivamente alla crescita della comunità della provincia di Catanzaro, dando voce alle istanze dei territori, soprattutto di quelle aree che rischiano isolamento e arrancano nella rappresentanza di diritti e bisogni”».
Il sindaco di Catanzaro Nicola Fiorita ha voluto rivolgere gli auguri di buon lavoro ai nuovi componenti dell’Assemblea provinciale. «Il rinnovo delle rappresentanze – ha detto Fiorita – è sempre da salutare positivamente come elemento dinamico della nostra democrazia. Il nostro auspicio è che l’interlocuzione tra le Istituzioni possa continuare e anzi rafforzarsi, sempre nell’esclusivo interesse dei cittadini. Auguri quindi di buon lavoro ai consiglieri provinciali neoeletti. Un augurio speciale, poi – ha concluso il sindaco – a Igea Caviano ed Eugenio Riccio, rappresentanti della città capoluogo a Palazzo di Vetro, sul cui impegno, che sarà come sempre di qualità, contiamo in modo particolare». 
«La riconferma di Mimmo Donato,Pietro Fazio e Francesco Fragomele alle elezioni per il rinnovo dell’assise provinciale di Catanzaro è un risultato davvero straordinario: per la seconda volta consecutiva, la lista “Venti da Sud” si è dimostrata all’altezza di una sfida così importante»: è quanto ha dichiarato, in una nota, il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Antonio Montuoro. «Sono particolarmente soddisfatto – ha aggiunto Montuoro – per l’esito di una prova che ha richiesto uno sforzo corale notevole, premiando, alla fine, l’impegno dei candidati. “Venti da Sud” ha fatto registrare il maggior numero di amministratori che hanno dato il loro consenso, per un totale di oltre 20mila voti ponderati, ben 201 elettori. Un dato inequivocabile, a riprova del fatto che questa compagine ha ottenuto il giusto riconoscimento, grazie al lavoro eccezionale svolto con grande abnegazione a favore delle collettività. Tanti giovani amministratori di qualità e competenza, con un forte radicamento sul territorio, sono riusciti, nuovamente, a catalizzare la fiducia dei loro omologhi, potendo così continuare a operare nel solco già tracciato».  Montuoro, quindi, ha sottolineato «l’importanza della sinergia con l’assessore regionale Filippo Pietropaolo, sotto l’attenta regia dell’onorevole Wanda Ferro che, anche in questa occasione, si è distinta per le sue capacità e competenze di coordinamento. All’indomani di questo successo, l’obiettivo di Fratelli d’Italia rimane immutato: lavorare per lo sviluppo di quei territori che la sciagurata riforma, o meglio “deforma”, Delrio ha azzoppato, ridimensionando fortemente gli Enti intermedi. Province che, fino all’entrata in vigore di quel provvedimento insensato, riuscivano a farsi carico delle numerose istanze provenienti dalle comunità». Il consigliere regionale di Fdi ha rimarcato soprattutto come «la Provincia di Catanzaro è un ente strategico, che sicuramente ha delle difficoltà economiche significative, ma abbiamo la certezza che questo centrodestra, che si conferma maggioranza nell’Ente intermedio, riuscirà a rilanciarne l’azione politica e amministrativa. L’interesse per la Provincia non è mai venuto meno, come attesta l’alta l’affluenza alle urne: quasi il 90 per cento”. Non sono mancati, infine, da parte di Montuoro “i più sentiti ringraziamenti soprattutto all’indirizzo dei non eletti, perché senza il loro apporto non si sarebbe mai potuto raggiungere questo traguardo, e a tutti gli amministratori che, ancora una volta, hanno deciso di riporre la loro fiducia in questa compagine politica».


Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x