Ultimo aggiornamento alle 11:30
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la decisione

Inchiesta “Alibante”, il Tar della Valle d’Aosta accoglie il ricorso di Andrea Giunti

L’indagine coordinata dalla Dda di Catanzaro. Il ministero dell’Interno è stato condannato a risarcire il legale

Pubblicato il: 10/01/2024 – 13:42
Inchiesta “Alibante”, il Tar della Valle d’Aosta accoglie il ricorso di Andrea Giunti

AOSTA Il Tar della Valle d’Aosta ha condannato il ministero dell’Interno a risarcire con 6.000 euro l’avvocato Andrea Gino Giunti. A riferirlo è l’agenzia Ansa. La somma si riferisce al danno che il legale del foro di Aosta – secondo il tribunale amministrativo regionale – ha patito dopo essere stato raggiunto dall’interdittiva antimafia emessa due anni fa dalla questura di Aosta. Lo stesso Tar, infatti, aveva poi annullato il provvedimento alcuni mesi dopo, nell’ottobre del 2022, perché nella normativa non è presente «il riferimento all’adozione di informazioni interdittive nei confronti di persone fisiche non imprenditori». Questa sentenza, non impugnata, è poi diventata definitiva. Era stata la Regione Valle d’Aosta a richiedere il rilascio della comunicazione antimafia, dopo che nel 2020 Giunti aveva ottenuto un contributo regionale a compensazione delle perdite di fatturato derivanti dall’emergenza pandemica da Covid-19. Dalle verifiche della questura, era poi emerso che Giunti, come la moglie, l’avvocata Maria Rita Bagalà, era stato iscritto nel registro degli indagati nell’inchiesta Alibante condotta dalla Dda di Catanzaro. Il Tar della Valle d’Aosta ha accolto il ricorso di Giunti, assistito dall’avvocato Hebert d’Herin. «Non vi è dubbio» – secondo i giudici amministrativi «che il provvedimento adottato dall’amministrazione sia illegittimo e che dallo stesso il ricorrente abbia subito un pregiudizio, correlato proprio all’interdizione dalla possibilità di contrattare con la pubblica amministrazione e, dunque, anche di assumere» incarichi «in favore di enti pubblici per tutto il periodo di efficacia della misura adottata dalla questura di Aosta». Per la quantificazione del danno il Tar ha tenuto conto del reddito documentato nell’anno precedente all’interdittiva «limitatamente alle commesse pubbliche ricevute» e del fatto che il «principio di rotazione nelle commesse pubbliche rende quantomeno aleatoria la possibilità di ottenere gli stessi incarichi pubblici ogni anno».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x