Ultimo aggiornamento alle 23:30
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Il caso

Il padre di Giogiò all’attacco: «Il premio a Geolier? Un impresentabile»

L’indignazione del papà del giovane musicista ucciso a Napoli per il riconoscimento al rapper

Pubblicato il: 12/02/2024 – 21:43
Il padre di Giogiò all’attacco: «Il premio a Geolier? Un impresentabile»

NAPOLI L’onorificenza cittadina concessa al rapper Geolier dal sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, ha suscitato l’indignazione di Franco Cutolo, il regista teatrale padre di Giovanbattista, il giovane musicista ucciso da un balordo minorenne con tre colpi di pistola ad agosto scorso, e il cui ricordo è stato celebrato dalla mamma Daniela Di Maggio nella serata di apertura del Festival di Sanremo.
«Fuitevenne» ha scritto su Facebook il papà di Giogiò, citando la famosa esortazione di Eduardo De Filippo, assieme ad alcune considerazioni polemiche nei confronti del sindaco e a un post muto che raffigura Geolier con un mitra dorato tra le mani nella cover di YouTube del suo pezzo ‘Narcos’.


«Geolier è un ragazzo fortunato perché si è trovato spinto da un ingranaggio mediatico e pubblicitario che, a prescindere dal Festival di Sanremo, gli ha fatto intercettare il mood dei ragazzi. Ma ciò non giustifica la sua impresentabilità, la sua mancanza di cultura e di preparazione. Lo dico da artista che ha sempre rappresentato nel proprio teatro le minoranze, che ha dato spazio alla cultura popolare e alle culture subalterne ma qui, però, troviamo solo la cultura dell’efferatezza», dice all’AGI Franco Cutolo.
«Ho saputo che Geolier è uno dei miti dell’assassino di mio figlio e non mi sorprende», prosegue il regista, anche se Geolier andò ai funerali di Giovanbattista e lanciò un appello ai ragazzi per condannare l’omicidio.
«Ma è retorica, quel che conta è ciò che lui rappresenta: nel look, nel modo di parlare, nel modello che offre ai ragazzi della strada. Smettiamola, per favore, con il campanilismo becero per cui poiché è napoletano noi napoletani dobbiamo auspicare che vinca Sanremo un impresentabile», aggiunge Cutolo.
«Questo campanilismo, questa autoconsolazione è la rovina di Napoli. Certi simboli fortificano la malavita e se la malavita si fortifica saranno uccisi altri Giogò che tanto potrebbero dare alla nostra città».
«Mi dispiace che la politica sia diventata un business di numeri, che il sindaco si presti a questo solo perché contano i numeri dei follower, degli streaming e dei download. I milioni. Non la qualità. Contano i numeri», dice Cutolo. Che sottolinea: «Non parlo per classismo né disprezzo le periferie. Semplicemente, mi vergogno che si omaggi questo tipo di rappresentazione. E non solo perché sono il padre di Giogiò. Lo dico da napoletano e da artista».

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x