Ultimo aggiornamento alle 22:38
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

calcio violento

Saccheggiarono l’autogrill di Pizzo, Daspo per tifosi siciliani

La Digos in collaborazione con la Polizia stradale di Vibo Valentia li ha identificati anche grazie balle immagini di videosorveglianza

Pubblicato il: 21/02/2024 – 10:01
Saccheggiarono l’autogrill di Pizzo, Daspo per tifosi siciliani

 VIBO VALENTIA Una cinquantina di tifosi siciliani, lo scorso 3 dicembre, mentre erano in transito sulla corsia nord dell’autostrada A2, si fermarono all’autogrill di Pizzo, generando gravi problemi di ordine pubblico creati all’interno dell’esercizio commerciale. Due di loro individuati e per le condotte poste in essere sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria e daspati. In particolare, dall’attività investigativa svolta dalla DIGOS collaborata dalla Sezione Polizia Stradale di Vibo Valentia, è emerso che nella mattinata del 3 dicembre, un nutrito gruppo di ultras siciliani, che si stava dirigendo a Castrovillari per supportare la propria squadra, si è fermato all’autogrill di Pizzo lungo l’Autostrada A2 dove, approfittando della consistenza numerica e del caos creato all’interno dell’esercizio, ha trafugato generi alimentari e altra oggettistica dagli scaffali. Gli investigatori della DIGOS hanno identificato alcuni ultras attraverso l’attività d’indagine, svolta anche confrontando le immagini delle riprese effettuate dalla polizia scientifica di Castrovillari con quelle di video sorveglianza dell’esercizio commerciale saccheggiato.   I soggetti individuati sono stati sottoposti a D.A.SPO. da parte del Questore di Vibo Valentia per la durata di anni 3, a causa dei gravi problemi di ordine pubblico creati all’interno dell’esercizio commerciale. Proprio il caos venutosi a determinare, ha costituito l’ideale presupposto per portare a compimento una serie di furti.  Resta alta l’attenzione della Polizia Stato verso tutti i comportamenti violenti e pericolosi per l’Ordine Pubblico posti in essere negli stadi, al fine di consentire lo svolgimento sereno e sicuro delle competizioni sportive. Per quanto attiene l’aspetto squisitamente penale, si specifica che le attività svolte finora non implicano alcuna responsabilità dei soggetti denunciati e che le informazioni sul procedimento penale in corso sono fornite in modo da chiarire la fase in cui il procedimento penale pende. In ogni caso, è tutelato il diritto della persona sottoposta ad indagine a non essere indicata come colpevole fino a quando la colpevolezza non sia stata accertata con sentenza di condanna irrevocabile.

Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x