Ultimo aggiornamento alle 15:09
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

spazzatour

Cosenza, il polmone verde scambiato per discarica di ingombranti

Il parco Grazia Deledda è frequentato dagli studenti di passaggio verso gli istituti della periferia. Ma non sono soltanto loro a sporcare

Pubblicato il: 24/02/2024 – 11:15
Cosenza, il polmone verde scambiato per discarica di ingombranti

COSENZA A sorpresa, in uno dei parchi più frequentati dagli studenti di passaggio – villa Giulia, poi intitolata a Grazia Deledda – la spazzatura che si accumula non è (solo) colpa dei più giovani: evidentemente i cosentini hanno scambiato questo polmone verde per un luogo dove conferire i rifiuti, anche ingombranti visti gli spazi larghi e la possibilità di “scaricare” direttamente dalla strada senza essere visti.

Cumuli di spazzatura ai margini del parco Deledda, un triangolo di verde tra l’autostazione e viale Mancini

Costeggiando a piedi questo parco fatto di vialetti, piazzole, aiuole e altissimi alberi ci si può dunque imbattere in materassi abbandonati, divani e sedie rotte fatte rotolare – assieme al classico campionario di bottiglie di vetro e plastica, cartoni e vestiti – nel declivio che la zona disegna degradando da corso d’Italia e via delle Medaglie d’oro a viale Giovanni e Francesca Falcone, a due passi sia dal centro città che da viale Mancini.
Siamo nella «villetta» che, prima che fossero installati dei potenti e moderni lampioni, i pusher avevano eletto a luogo ideale per i loro traffici, fino a quando una vasta operazione di polizia aveva individuato un vasto giro di spaccio, strategico per il suo essere vicino a piazza Bilotti e soprattutto satellitare rispetto all’Autostazione, altra “piazza” sempre più presidiata dalle forze dell’ordine dopo i recenti episodi di aggressioni.

Una poltrona fatta rotolare nel prato del parco fa bella mostra di sé da settimane

Se invece si parla di contrasto al fenomeno del sacchetto selvaggio, invece, non si può negare che i controlli mancano: è il motivo per cui Ecologia Oggi sta per lanciare il sistema delle foto trappole, un deterrente che altrove ha prodotto risultati. Sarebbe quello scatto di reni che manca, in una città che in meno di 15 anni – nel passaggio dal cassonetto alla raccolta porta a porta – è diventata virtuosa grazie al suo 72% di differenziata (punteggio Ecosistema Urbano 2022). Magari con le fototrappole anti-incivili si potrà superare la soglia psicologica dell’80%. (euf)

LEGGI ANCHE
• Cosenza, quando il cittadino incivile rende vano il lavoro di Ecologia Oggi
• Se la discarica in pieno centro leva spazio ai (già pochi) parcheggi

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x