Ultimo aggiornamento alle 22:31
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il caso

Chiusura del punto nascita al “Sacro Cuore” di Cosenza, Caruso: «È gravissimo»

Il possibile stop era emerso già a settembre in un nostro articolo. Il sindaco: «Non se ne comprende il motivo»

Pubblicato il: 04/04/2024 – 12:17
Chiusura del punto nascita al “Sacro Cuore” di Cosenza, Caruso: «È gravissimo»

COSENZA Era settembre quando, in un articolo pubblicato sul Corriere della Calabria, avevamo parlando di un stop, a partire da gennaio 2024, e la chiusura del punto nascita della clinica Sacro Cuore di Cosenza, storico punto di riferimento sul territorio provinciale, di proprietà del gruppo IGreco. Notizia che aveva scatenato la reazione anche veemente del gruppo che, in una nota, aveva poi parlato di una notizia che «oltre ad essere destituita di qualsiasi fondamento, sta destando forte preoccupazione ed allarmismo tra le pazienti della Clinica e fra tutto il personale dipendente».

La preoccupazione di Caruso

A distanza di qualche mese, è il sindaco di Cosenza, Franz Caruso, a riaccendere i riflettori sulla vicenda. «Con la chiusura del punto nascita presso la Casa di Cura Sacro Cuore – scrive il primo cittadino brutio – il governatore Occhiuto prosegue la sua opera di devastazione dei servizi sanitari nella città di Cosenza e nella sua vasta provincia, con una incidenza fortemente negativa per l’intero territorio calabrese». Ma non è tutto. Franz Caruso spiega nella nota che «il DCA n.69 della Regione Calabria del 14 marzo scorso, che riorganizza la rete ospedaliera, la rete dell’emergenza urgenza e le reti tempo-dipendenti depotenzia ulteriormente l’offerta sanitaria nel cosentino in maniera inopinata ed assurda. E così dopo la chiusura della Terapia Intensiva Pediatrica e la mancata codificazione del pronto soccorso pediatrico presso l’Annunziata, da noi auspicato e mai effettuato, oggi si arriva a chiudere il punto nascita del Sacro Cuore, struttura accreditata e convenzionata con il SSN, che provocherà inevitabilmente un forte aumento di carico di lavoro per il reparto di Ostetricia del nostro ospedale cittadino, già in forte affanno perché da tempo oberato di lavoro, con carenza di personale e liste di attesa di molti mesi soprattutto per la patologia benigna ginecologica. Tenendo conto di ciò, la stessa Asp di Cosenza, già nel 2023 dopo la prima pubblicazione della nuova rete ospedaliera in cui si ipotizzava la chiusura del Punto Nascita del Sacro Cuore, si era prodigata per ottenerne la modifica ritenendo che tale taglio di servizio avrebbe comportato da un lato inevitabili licenziamenti e dall’altro un maggior carico di lavoro per l’ospedale di Cosenza, che sarebbe rimasto l’unico punto nascita attivo in città. Rimostranze che non sono, evidentemente, servite a nulla tanto che il governatore Occhiuto ha confermato la sua decisione che è essenzialmente politica ed a danno dei cittadini/utenti». «Se, infatti, si riconosce la necessità di riaprire il punto nascita sulla costa tirrenica (Cetraro), – sottolinea ancora Caruso – non si comprende il motivo della chiusura del punto nascita del Sacro Cuore, che con circa 1000 parti l’anno riesce a soddisfare, e non poco, le esigenze delle donne cosentine e della provincia. Peraltro, com’è pensabile che una partoriente di Montalto o di Rogliano possa decidere di andare a partorire a Cetraro? Costoro saranno private della libertà di poter scegliere un’altra struttura nella quale avevano confidato e si vedranno “costrette” a rivolgersi all’Annunziata, dove lo straordinario personale medico e sanitario opera, per come detto, con un carico di lavoro enorme che si andrà ad accrescere ulteriormente». «Tutto ciò è gravissimo – conclude Franz Caruso – Roberto Occhiuto continua ad operare a fini elettoralistici e propagandistici, giocando sulla pelle dei calabresi ai quali non viene assolutamente assicurato il diritto alla salute che dovrebbe, invece, essere universalmente garantito sopra ogni cosa e tenuto ben distante da calcoli di natura eminentemente ragionieristica».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x