Ultimo aggiornamento alle 17:36
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’inchiesta

Crosetto: «Schifato da chi scarica Toti nel centrodestra»

L’affondo del ministro. Il padre di Ilaria Salis: «Nordio sia garantista anche con mia figlia»

Pubblicato il: 12/05/2024 – 10:46
Crosetto: «Schifato da chi scarica Toti nel centrodestra»

ROMA «Mi fanno ribrezzo le persone che speculano su vicende di questo tipo, ma so di essere in netta minoranza, anche all’interno del centrodestra. Oggi ho visto le dichiarazioni di un ministro di Forza Italia che, di fatto, scarica Toti, dimenticando la storia del fondatore del suo partito e la persecuzione che subì. Queste cose non riesco a capirle e non le sopporto più». Così in una intervista a La Stampa il ministro della Difesa, Guido Crosetto. «In Italia – aggiunge – c’è un clima pesante, preoccupante, che incide in modo intollerabile anche sulla vita personale». «Provo sempre più disprezzo nei confronti di persone che dicono di volere servire lo Stato e invece spesso servono solo i loro microinteressi personali – sottolinea -. In nessun altro Paese c’è un livello così basso nel rispetto dei ruoli istituzionali e di interessi nazionali, non politici o di parte. Ma ho preso un impegno e resterò al mio posto a fare il mio dovere. Quando finirà il mio compito di ministro, credo che tornerò dove avevo deciso di stare da anni: nella sfera privata». «Le inchieste sono una parte minima del clima di cui parlo – prosegue -. Il mio viene visto forzatamente come un attacco alla magistratura, ma è solo il tentativo di costruire regole comuni e condivise. Capisco che faccia comodo considerarlo un attacco per continuare a non affrontare i temi in modo serio».


Il padre di Ilaria Salis: «Nordio garantista con Toti, lo sia anche con mia figlia»


Intanto sulla vicenda Toti interviene anche Roberto Salis, padre di Ilaria, l’attivista detenuta da 15 mesi in Ungheria perché accusata di avere aggredito un gruppo di neofascisti. Intervistato da Il Secolo XIX afferma «vedo che il ministro Nordio giustamente a proposito della situazione di Toti dice che siano i magistrati a dovere provare la colpevolezza e non l’arrestato a dover provare la sua innocenza, mi avrebbe fatto piacere sentirlo anche a proposito degli italiani privati della libertà all’estero, che non sono adeguatamente tutelati dallo Stato italiano, come Ilaria».

Il Corriere della Calabria è anche su Whatsapp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x