Ultimo aggiornamento alle 21:07
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’operazione

Mafia, sequestrati beni per 300 mila euro a un imprenditore

L’uomo risulta condannato in via definitiva per danneggiamenti, riciclaggio, furto, violenza privata e minacce

Pubblicato il: 16/05/2024 – 13:34
Mafia, sequestrati beni per 300 mila euro a un imprenditore

Gli agenti della Polizia di Stato hanno sequestrato beni per 300 mila euro riconducibili ad un 46enne nisseno, titolare di un’impresa dedita al commercio di auto, arrestato nel giugno del 2021, nell’ambito dell’operazione “La Bella Vita”, per avere fatto parte dell’associazione di tipo mafioso denominata “Cosa nostra” ed in particolare della famiglia mafiosa del mandamento di Vallelunga Pratameno. Il provvedimento è stato emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Caltanissetta. Le indagini hanno fatto emergere sul territorio del comune di Caltanissetta l’esistenza di una “famiglia” mafiosa, particolarmente attiva. In tale contesto l’uomo, che annovera condanne definitive per danneggiamento aggravato di auto, riciclaggio, furto, atti persecutori, violenza privata e minaccia, avrebbe collaborato con i vertici dell’organizzazione nella gestione delle attività illecite, occupandosi del racket delle estorsioni e del traffico degli stupefacenti, nonché della raccolta del denaro, provento di attività illecite, da destinare al mantenimento delle famiglie degli affiliati detenuti.

Le indagini e il sequestro

A seguito di tale attività, su delega del Procuratore e del Questore di Caltanissetta, la Divisione Polizia Anticrimine ha avviato indagini sulle disponibilità patrimoniali e finanziarie del 46enne, svolte tramite le banche dati in suo alle Forze di Polizia e presso istituti di credito e compagnie di assicurazione con le quali il soggetto investigato intrattiene rapporti finanziari. I poliziotti hanno accertato una significativa sproporzione tra i redditi dichiarati dall’uomo, titolare di impresa individuale dedita al commercio di auto e moto usate, e il valore dei beni nella sua disponibilità. Il provvedimento di sequestro ha riguardato nove beni mobili e immobili, per un valore complessivo di circa 300 mila euro, e specificatamente: un’impresa individuale con sede a Caltanissetta dedita al commercio di auto e moto usate, quattro fabbricati e un terreno, sempre nel territorio di Caltanissetta, e tre rapporti finanziari.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x