Ultimo aggiornamento alle 11:48
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la posizione

Inchiesta “Glicine-Acheronte”, Giancarlo Devona resta libero. Ecco le motivazioni

L’architetto finito in una inchiesta della Dda di Catanzaro. L’avvocato Verri ha dimostrato «l’allontanamento dal contesto di commissione dei fatti»

Pubblicato il: 29/05/2024 – 18:34
Inchiesta “Glicine-Acheronte”, Giancarlo Devona resta libero. Ecco le motivazioni

CATANZARO Il 24 ottobre 2023 il gip del Tribunale di Catanzaro aveva accolto l’istanza presentata dall’avvocato Francesco Verri, difensore di Giancarlo Devona finito agli arresti domiciliari al termine di una inchiesta coordinata dalla Dda di Catanzaro e denominata Glicine-Acheronte. L’ex capo gabinetto di Mario Oliverio e per un periodo capo struttura di Ernesto Alecci, lasciava gli arresti domiciliari e tornava libero. Devona, oggi, come deciso dal Tribunale del Riesame di Catanzaro resta libero. L’avvocato Verri ha provato come il suo assistito abbia cambiato vita e come i fatti contestati siano accaduti in tempi remoti e non attuali. «Non può omettersi di considerare la rilevanza delle allegazioni volte a prospettare il definitivo allontanamento del Devona dal contesto amministrativo di commissione dei fatti; elemento che, unitamente al pregresso dato della cessazione di ogni ruolo nell’ente regionale, è indubbiamente idoneo ad incidere sul pericolo di recidiva», scrivono i giudici.

L’inchiesta

Nel giugno 2023, i carabinieri del Ros, con il supporto dei comandi provinciali di Crotone, Cosenza, Catanzaro, Potenza, Parma, Brescia, Milano e Mantova e dello Squadrone Eliportato Calabria, hanno eseguito un’ordinanza cautelare emessa dal Tribunale di Catanzaro, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, a carico di 34 persone, indagate, a vario titolo, per associazione di tipo mafioso (22 indagati), associazione per delinquere (9 indagati), associazione per delinquere finalizzata alla commissione di truffe aggravata dalle finalità mafiose (3 indagati), turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, estorsioneillecita concorrenza con minaccia o violenzaomicidiotrasferimento fraudolento di valori, concorso esterno in associazione di tipo mafioso, turbata liberà degli incanticorruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio, falsità ideologica e materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, scambio elettorale politico mafioso, truffa aggravata. (f.b.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x