Ultimo aggiornamento alle 23:16
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

FONDI POR | Guccione avverte: senza nuovi programmi perdiamo 3 miliardi

REGGIO CALABRIA «La grande opportunità rappresentata per la Calabria dai fondi comunitari della nuova stagione 2014-2020 rischia di subire una brusca battuta d’arresto a causa della possibilità, tu…

Pubblicato il: 20/07/2014 – 12:36
FONDI POR | Guccione avverte: senza nuovi programmi perdiamo 3 miliardi

REGGIO CALABRIA «La grande opportunità rappresentata per la Calabria dai fondi comunitari della nuova stagione 2014-2020 rischia di subire una brusca battuta d’arresto a causa della possibilità, tutt’altro che remota, che venga persa una fetta consistente dei finanziamenti del Por Calabria 2007-2013 pari ad almeno 2 miliardi e 800 milioni di euro di cui oltre 300 milioni destinati alle infrastrutture di trasporto». Lo afferma il consigliere regionale del Pd Carlo Guccione. «L’Europa – prosegue – ha concesso alla Calabria una proroga per la riprogrammazione dei fondi della vecchia programmazione non utilizzati al 31 dicembre 2013 fino al 31 dicembre 2015, pena il disimpegno delle risorse e la perdita del finanziamento con la conseguenza che tali risorse saranno destinate ad altre regioni o utilizzate da altri Paesi europei più virtuosi della Calabria. Prendiamo il progetto della Metro leggera Cosenza-Rende-Unical inserito tra quelli finanziati nel Por 2007/2013 e il cui iter per la presentazione delle offerte scade tra meno di un mese. È più che probabile che, tra procedure di selezione, aggiudicazione, contratto, progetto, approvazione e cantierizzazione, non si potranno iniziare i lavori prima di maggio 2015 e quindi, bene che vada, andrà a incidere sulla spesa del Por 2007-2013 in misura non superiore a 10 milioni di euro. Il progetto sarà pertanto dichiarato “a cavallo” tra le programmazioni 2007-2013 e 2014-2020 con 10 milioni di euro sul 07/13 e 150 milioni di euro sul 14/20. Questo caso dimostra la necessità e l’utilità di una seria operazione di riprogrammazione dei fondi comunitari che la Calabria non è riuscita a spendere. Si pone con urgenza la necessità di individuare una serie di opere alternative così da dimostrare la possibilità di realizzazione entro il termine ultimo del 31 dicembre 2015. Considerando che il tempo a disposizione della Regione è breve, va data priorità a quegli interventi immediatamente cantierabili che sono in grado di rappresentare un sistema infrastrutturale in grado di contribuire in modo determinante allo sviluppo del nostro territorio. Se prendiamo in esame le risorse disponibili non spese e a rischio disimpegno solo sull’asse delle infrastrutture e dei trasporti, si potrebbero impegnare con proposte che coniugano cantierabilità e bisogno strategico: acquisto materiale rotabile per la linea ferroviaria ionica al fine di assicurare un trasporto veloce, efficiente e confortevole sulla linea Sibari-Crotone-Catanzaro e Reggio Calabria-Catanzaro (circa 90 minuti di percorrenza nelle 2 tratte) in modo da realizzare, di fatto, la cosiddetta metropolitana di superficie tanto reclamata da quei territori su quella tratta. L’investimento potrebbe ammontare a circa 100 milioni e risolvere, da subito e senza aspettare la nuova programmazione, oltre a un problema di mobilità e trasporti, anche un problema di spesa sul Por (in tal modo non si perderebbero le risorse). Nella nuova programmazione potrà, invece, essere previsto il collegamento dalla stazione di Crotone all’aeroporto Sant’Anna, in modo da assicurare collegamento veloce e sicuro dalla Sibaritide all’aeroporto di Crotone, con tutte le evidenti ricadute. Il finanziamento dell’ultimo lotto della Strada Longobucco-Mirto Crosia (V lotto – il IV lotto è stato già finanziato per 22.5 milioni con risorse Fsc). L’investimento è di circa 40 milioni e il cronoprogramma prevede il completamento entro il 31 dicembre 2015. Il settore competente ha già predisposto il progetto preliminare per l’avvio della gara. L’intervento consentirebbe il completamento di un opera iniziata da circa 25 anni e rappresenta una vera e propria trasversale Sila-Mare con tempi di percorrenza di 20-25 minuti. Finanziamento del II lotto della strada provinciale Tarsia-Diga-Corigliano. L’investimento di circa 25 milioni ha un cronoprogramma che prevede il completamento entro il 31 dicembre 2015. La Provincia di Cosenza ha già predisposto il progetto preliminare per l’avvio della gara».
«La riprogrammazione dei fondi Por che la Regione non è riuscita a spendere – afferma Guccione – deve avvenire attraverso atti amministrativi che, prima della pausa estiva, attraverso l’istituzione di una task force, siano in grado di selezionare le opere cantierabili e puntare su quelle opere immediatamente realizzabili che ci consentirebbero, da una parte, di fare uscire interi territori dall’isolamento e, dall’altra, di mettere in relazione e potenziare le comunicazioni tra le aree strategiche per lo sviluppo dell’economia e del turismo calabrese».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x