Ultimo aggiornamento alle 18:18
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Scoperte 750 piante di cannabis a Pazzano, due arresti

PAZZANO Una coltivazione di 750 piante di cannabis indica è stata scoperta dai carabinieri di Pazzano e dello Squadrone eliportato cacciatori d’Aspromonte, che hanno anche arrestato in flagranza du…

Pubblicato il: 22/08/2014 – 16:05
Scoperte 750 piante di cannabis a Pazzano, due arresti

PAZZANO Una coltivazione di 750 piante di cannabis indica è stata scoperta dai carabinieri di Pazzano e dello Squadrone eliportato cacciatori d’Aspromonte, che hanno anche arrestato in flagranza due persone con l’accusa di coltivazione e produzione di canapa indiana, Antonio Di Masi, di 55 anni, di Bivongi, disoccupato, già noto alle forze dell’ordine, e Sergio Passarelli (34), di Placanica, imprenditore edile in ferie nel paese natio. Quest’ultimo, secondo gli investigatori, era in procinto di rientrare in Piemonte dove è domiciliato. Se immessa sul mercato, la droga avrebbe fruttato un milione di euro.
I due sono stati sorpresi mentre innaffiavano le piante, alte, in media, un metro e mezzo. Le piante trovate sono di una specie nana, definita “olandese”, particolarmente florida – sviluppa ramificazioni e fogliame bassi – e facilmente occultabile per via delle ridotte dimensioni in altezza. La piantagione, quasi pronta per la raccolta, si estendeva su quasi 500 metri quadri di terreno demaniale in parte coltivato a pomodori e peperoni, proprio per confondere l’osservazione dall’alto. Nell’area è stato trovato un complesso sistema d’irrigazione con tubi in plastica e innaffiatoi “a goccia”, per garantire la costante idratazione delle piante, la cui acqua veniva convogliata in una vasca di raccolta dove confluiva un vicino ruscello.
I carabinieri, che hanno localizzato le piante anche grazie al lavoro dei militari dell’ottavo Nucleo Elicotteri di Vibo Valentia, dopo aver arrestato i due, hanno provveduto a estirpare la piantagione e a bruciare sul posto tutte le piante tranne 12 che sono state sequestrate per le analisi di laboratorio necessarie a individuare il principio attivo dello stupefacente contenuto. Passarelli è stato posto agli arresti domiciliari, mentre Di Masi è stato condotto in carcere.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x