Ultimo aggiornamento alle 22:59
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

"TRAMONTO" | Sigilli all'impero dei Serpa

COSENZA Sono riconducibili, direttamente o indirettamente, a Nella Serpa, la donna ritenuta la reggente dell’omonima cosca operante a Paola e attualmente detenuta, i beni per un valore di 11 m…

Pubblicato il: 30/09/2014 – 6:04
"TRAMONTO" | Sigilli all'impero dei Serpa

COSENZA Sono riconducibili, direttamente o indirettamente, a Nella Serpa, la donna ritenuta la reggente dell’omonima cosca operante a Paola e attualmente detenuta, i beni per un valore di 11 milioni di euro sequestrati dai Carabinieri e dalla Guardia di finanza di Cosenza nel corso dell’operazione condotta stamani e denominata “Tramonto”. Le indagini patrimoniali, coordinate dal procuratore della Dda di Catanzaro Vincenzo Antonio Lombardo e dal pm Pierpaolo Bruni, hanno evidenziato la rilevante sperequazione esistente tra i bassissimi redditi dichiarati e il considerevole incremento patrimoniale registrato nell’ultimo ventennio nei confronti di Nella Serpa e del suo nucleo familiare. La donna è attualmente in carcere dopo essere stata arrestata nell’ambito dell’operazione “Tela di ragno” condotta dai carabinieri di Cosenza sotto la direzione dalla Dda catanzarese per associazione mafiosa, tentato omicidio, detenzione e porto illegale in luogo pubblico di armi da fuoco, omicidio, furto ed estorsione in concorso. La Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Cosenza ha emesso i provvedimenti di sequestro sulla base delle indagini economiche condotte dalle Fiamme gialle e dai Carabinieri. Tra i beni sottoposti a sequestro, oltre a una ditta che si occupa di installazione di impianti idraulici che negli anni è riuscita a ottenere appalti pubblici, anche dall’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza, figurano 15 tra magazzini di metrature considerevoli e appartamenti, cinque attività commerciali – tra cui un bar, due importanti strutture alberghiere e un frequentatissimo lido balneare situati a Paola – 11 tra automobili e motoveicoli, nonchè diverse decine di rapporti bancari. La collaborazione tra Carabinieri e Guardia di finanza, sotto la direzione della Dda di Catanzaro – hanno rilevato gli investigatori – ha consentito di aggredire il sodalizio criminale a 360 gradi, sia con indagini finalizzate a neutralizzare i singoli soggetti, sia con approfonditi accertamenti mirati a ricostruire l’intero patrimonio accumulato con la perpetrazione di illeciti. «La sottrazione di tali ingenti ricchezze – hanno sostenuto gli investigatori – priva la ‘ndrina di preziosa linfa vitale per la sussistenza e il prosieguo delle attività criminose. Da qui il nome dell’operazione Tramonto».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x