Ultimo aggiornamento alle 23:16
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

“Inganno”, chiesti 6 anni per l'ex sindaco di San Luca

REGGIO CALABRIA Sono richieste severe, mitigate forse dalla diminuente propria del rito abbreviato, quelle avanzate dal pm Francesco Tedesco, al termine della propria requisitoria al processo Ingan…

Pubblicato il: 03/10/2014 – 15:26
“Inganno”, chiesti 6 anni per l'ex sindaco di San Luca

REGGIO CALABRIA Sono richieste severe, mitigate forse dalla diminuente propria del rito abbreviato, quelle avanzate dal pm Francesco Tedesco, al termine della propria requisitoria al processo Inganno, scaturito dall’inchiesta che ha messo per l’ennesima volta nei guai il Comune di San Luca, ma anche la sedicente pasionaria dell’antimafia, Rosy Canale. Mentre quest’ultima attende l’inizio del procedimento con rito ordinario che insieme ad altri la vede imputata, il pm Tedesco ha chiesto la condanna a sei anni di reclusione per l’ex sindaco di San Luca, Sebastiano Giorgi, quattro anni e 8 mesi per l’ex assessore Francesco Murdaca, sei anni e otto mesi per Francesco Strangio, formalmente imprenditore di San Luca, per la Procura uomo dell’omonimo clan. Ma dalla pubblica accusa arriva anche una richiesta di assoluzione per Giuseppe Cosmo, già imputato nel procedimento Metano a San Luca.
Per la Procura, tutti quanti hanno a vario titolo partecipato a quel sistema di spartizione dei lavori pubblici – «un manuale Cencelli della ‘ndrangheta» lo aveva definito il procuratore aggiunto Nicola Gratteri che, assieme al sostituto Francesco Tedesco, ha coordinato l’indagine – in ragione del quale tra i clan di Platì sono stati divisi appalti per milioni di euro. Lavori e favori che hanno fatto finire in manette diversi imprenditori fra cui Francesco Strangio, conosciuto come “Ciccio Boutique”, cui era andato invece il controllo esclusivo dell’area mercatale della zona di Polsi, ma soprattutto chi ha deciso l’assegnazione di quei lavori: il sindaco Giorgi e il suo assessore Murdaca. Per gli inquirenti, Sebastiano Giorgi era un «sindaco eletto con il consenso e l’appoggio delle cosche», responsabile di aver asservito «l’attività amministrativa ai voleri degli appartenenti alle cosche che di fatto avevano occupato il Comune», dunque «referente politico e amministrativo cui le cosche si rivolgevano per assecondare le loro necessità in materia di appalti e lavori pubblici». Ma Giorgi si sarebbe preoccupato anche di tutelare gli affari, omettendo di comunicare alla Stazione unica appaltante dati che avrebbero comportato l’immediata revoca dei lavori come l’arresto di Antonio Pelle, che tramite l’Azzurra Costruzioni si era aggiudicato un appalto da 300 milioni di euro, o l’interdizione all’attività imprenditoriale che aveva colpito Antonio Nirta, o ancora – banalmente – i ritardi e la pessima esecuzione delle opere, che hanno salvato le imprese dei clan dalle relative penali. Servigi per i quali l’allora primo cittadino di S.Luca sarebbe stato debitamente ricompensato non solo con l’elezione a sindaco, ma anche con un concreto e attivo supporto quando con la lista di centrodestra “Noi Sud” ha tentato la corsa alla Regione. Comportamento del tutto analogo a quello del suo assessore Francesco Murdaca, imparentato con i Mammoliti e loro presunto principale referente. Un vincolo di parentela che – ad esempio – avrebbe portato ad assegnare i lavori di ripristino della viabilità nella zona di Polsi a Francesco Mammoliti, nonostante fosse sorvegliato speciale e utilizzasse mezzi intestati fittiziamente all’impresa individuale del nipote.

Alessia Candito
a.candito@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x