Ultimo aggiornamento alle 22:59
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Pelaggi condannato a due anni e otto mesi

BOLOGNA Il Tribunale di Bologna ha condannato col rito abbreviato Paolo Pelaggi, crotonese vicino alla cosca ‘ndranghetista degli Arena, e Fiore Gentile, di Isola Capo Rizzuto (Crotone), a due…

Pubblicato il: 03/10/2014 – 17:16
Pelaggi condannato a due anni e otto mesi

BOLOGNA Il Tribunale di Bologna ha condannato col rito abbreviato Paolo Pelaggi, crotonese vicino alla cosca ‘ndranghetista degli Arena, e Fiore Gentile, di Isola Capo Rizzuto (Crotone), a due anni e otto mesi per il reato di tentata estorsione in concorso. Pelaggi è uno dei condannati in secondo grado, a Modena, per riciclaggio e danneggiamenti. A lui sono infatti riconducibili una frode fiscale da decine di milioni di euro realizzata con la sua società cartiera “Point One” di Maranello, e l’esplodere una bomba davanti alla sede dell’Agenzia delle entrate a Sassuolo nel 2006 per cui a breve è prevista la sentenza della Cassazione.
Il giudice per l’udienza preliminare Letizio Magliaro ha accolto la tesi della Dda di Bologna (Pm Marco Mescolini), secondo cui i due avrebbero tentato in concorso di obbligare Luigi Diana, di Casal di Principe in provincia di Caserta, incaricato della costruzione di un’abitazione di Pelaggi a Maranello, nel Modenese, a sottoscrivere una polizza assicurativa contro gli incendi, accordo che poi non è stato firmato. Così, dopo che nel maggio 2007 un incendio doloso ha bruciato il tetto della costruzione, Pelaggi, resosi conto che Diana non aveva stipulato il contratto assicurativo, ha iniziato a minacciarlo telefonicamente di morte. Poi, nello stesso anno, è stato organizzato un incontro a Cologno Monzese cui, oltre a Diana e a Pelaggi, hanno partecipato esponenti della criminalità organizzata campana e calabrese, convocati per dirimere il contrasto.
L’accordo finale prevedeva che Diana non avrebbe più avanzato richieste di denaro per i lavori effettuati per l’abitazione, e Pelaggi non avrebbe chiesto i soldi per la ristrutturazione del tetto. Nello stesso processo davanti al Gup è stata condannata in abbreviato anche Debora Cuomo, moglie di Paolo Pelaggi, a cinque anni per riciclaggio. Le imputazioni sono le stesse del processo madre in cui anche il marito e’ stato condannato in Appello. Inoltre il Gup ha, infine, rinviato a giudizio per riciclaggio in concorso quattro fratelli di Pelaggi. 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x