Ultimo aggiornamento alle 9:43
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Wanda Ferro saluta la Provincia: «Ora un'altra sfida»

CATANZARO «Un viaggio nel passato che guarda al futuro attraverso le tappe di 15 anni di impegno all’interno dell’istituzione provinciale». Wanda Ferro, commissario straordinario della Provincia di…

Pubblicato il: 10/10/2014 – 20:20
Wanda Ferro saluta la Provincia: «Ora un'altra sfida»

CATANZARO «Un viaggio nel passato che guarda al futuro attraverso le tappe di 15 anni di impegno all’interno dell’istituzione provinciale». Wanda Ferro, commissario straordinario della Provincia di Catanzaro, candidata da Forza Italia alla presidenza della Regione, si è congedata, così, con la voce rotta dall’emozione, dalla carica che l’ha vista per sei anni alla guida dell’ente. All’invito della presidente, da un anno a questa parte commissario straordinario, per il suo saluto di commiato all’istituzione, c’erano il prefetto di Catanzaro Raffaele Cannizzaro, il presidente della Camera di commercio Paolo Abramo, l’arcivescovo emerito monsignor Antonio Cantisani e il vescovo di Lamezia Terme Luigi Cantafora, l’assessore regionale Domenico Tallini, il consigliere regionale Gabriella Albano ma anche i vertici della Cgil provinciale con in testa il segretario generale Giuseppe Valentino.
«Un viaggio che ha dato grandi risultati – ha detto Wanda Ferro – e che adesso si traduce anche nell’amarezza di lasciare tanti progetti realizzati e tanti sogni. In un momento contrassegnato da tagli lineari, alluvioni, dimensionamenti scolastici e tanti problemi, c’è la soddisfazione di avere saputo dare risposte ai cittadini e, soprattutto, ai giovani e alla cultura a tutto tondo».
Senza appello il giudizio sulla riforma che ha ridimensionato le Province. «Non perdonerò mai – ha detto ancora la Ferro – gli effetti nefasti di questa riforma. E non lo faccio nemmeno oggi che sono candidata alla presidenza della Regione perché ritengo che non dovevano essere gli enti intermedi a essere riformati, bensì le Regioni. Non ci sarà nessun risparmio e anzi avremo più confusione tra i cittadini. Mancherà quel trait d’union tra i Comuni e gli organi sovraordinati come Regione e Stato. È grave, poi, avere tolto il voto all’elettore, riaprendo dei grandi campanili anche sui territori perché il voto, oggi, è collegato ai consiglieri comunali e ai sindaci, ai pochi eletti che creeranno ovviamente distinzioni di appartenenza per un campanile che era stato messo da parte». In precedenza Wanda Ferro aveva salutato i dipendenti dell’ente.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x