Ultimo aggiornamento alle 16:30
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Falso allarme bomba, indagate due persone

LAMEZIA TERME Si tinge di giallo l’episodio della telefonata anonima che segnalava una bomba a bordo dell’aereo della Ryanair partito dall’aeroporto di Lamezia Terme e diretto a Bergamo. Per l…

Pubblicato il: 28/10/2014 – 14:47
Falso allarme bomba, indagate due persone

LAMEZIA TERME Si tinge di giallo l’episodio della telefonata anonima che segnalava una bomba a bordo dell’aereo della Ryanair partito dall’aeroporto di Lamezia Terme e diretto a Bergamo. Per la telefonata la Procura di Lamezia Terme ha indagato un uomo di 31 anni, con precedenti penali, e la convivente, 28 anni, residenti in provincia di Brescia. I due hanno riferito di aver fatto uno scherzo a un amico sul volo ma gli inquirenti ritengono che «la vicenda abbia dei contorni strani che vanno chiariti».

Un cittadino pakistano ha acquistato tre schede sim, una delle quali utilizzata per la telefonata anonima che segnalava la presenza di una bomba sul volo Ryanair. L’uomo ha acquistato le schede telefoniche in provincia di Brescia fornendo il suo passaporto, ma allo stato l’uomo non risulta presente nelle banche dati delle forze dell’ordine. Dopo la telefonata anonima che annunciava la presenza di una bomba sull’aereo, gli agenti della polizia di frontiera dell’aeroporto di Lamezia Terme hanno concentrato la loro attenzione sull’utenza cellulare usata per il falso allarme bomba. Secondo quanto è emerso dalle indagini, la scheda telefonica era stata acquistata 20 giorni prima presso un esercizio commerciale in provincia di Brescia insieme ad altre due schede. Queste ultime, secondo quanto accertato dagli investigatori, sono state utilizzate solo per pochi giorni e con una sono state contattate solo 4 utenze, tra cui il centralino dell’aeroporto di Lamezia Terme. Sui documenti di acquisto delle schede telefoniche, inoltre, ci sarebbero firme diverse, pur riportando sempre il nome del cittadino pakistano. Le modalità di acquisto delle schede e l’utilizzo che ne è stato fatto hanno fatto dedurre agli inquirenti che non si trattava del solito sprovveduto.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x