Ultimo aggiornamento alle 11:02
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

Tallini frena le ambizioni di Abramo

CATANZARO Le grandi manovre sono cominciate. A Catanzaro si andrà al voto per eleggere il nuovo sindaco – a meno di clamorosi colpi di scena – tra più di un anno, ma sotto la crosta delle apparenze…

Pubblicato il: 02/02/2016 – 16:05
Tallini frena le ambizioni di Abramo

CATANZARO Le grandi manovre sono cominciate. A Catanzaro si andrà al voto per eleggere il nuovo sindaco – a meno di clamorosi colpi di scena – tra più di un anno, ma sotto la crosta delle apparenze, sono tanti i movimenti che hanno preso il via già da parecchio tempo. Riposizionamenti, ambizioni personali, trattative trasversali hanno quindi iniziato a modificare dall’interno quelli che saranno gli assetti politici di una città intera.
L’attuale sindaco Sergio Abramo (eletto nel 2012 con il sostegno del centrodestra), è già al suo terzo mandato non consecutivo ma non ha mai nascosto di volersi ricandidare. Una volontà espressa più o meno pubblicamente che però non è andata giù a Mimmo Tallini, capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale e coordinatore provinciale del partito, nonché potentissimo collettore di preferenze elettorali. Nei giorni scorsi, infatti, il gruppo forzista ha tenuto una conferenza stampa per attaccare il governatore Mario Oliverio sul fronte dei finanziamenti per il porto di Catanzaro e per la strada provinciale 25. Durante l’incontro, il messaggio politico lanciato al sindaco è stato chiaro: «Forza Italia è stato l’unico gruppo che ha sostenuto Sergio Abramo in consiglio comunale in maniera compatta e senza defezioni». Che tradotto dal politichese potrebbe significare: «Sindaco, fai attenzione, perché possiamo staccare la spina quando vogliamo».
Ma i messaggi di Tallini non si sono fermati lì. Dal pulpito di una sala convegni, durante un incontro pubblico organizzato da “Calabria in Rete”, il consigliere comunale e regionale ha sottolineato: «Sbaglia Abramo quando ad un anno e mezzo dalla scadenza della legislatura dice di essere pronto ad una nuova candidatura e sbaglierebbe chi dall’interno della maggioranza pensa che potrebbe essere il futuro candidato a sindaco». Applicando anche qui un rapido traduttore dal politichese: «Il candidato lo sceglie il partito o al massimo la coalizione. Qualunque fuga in avanti, non sarà accettata».
Così, con le polveri bagnate dalle gelide secchiate d’acqua di Tallini, Abramo si guarda attorno. E se nei mesi scorsi, assieme al suo omologo lametino Mascaro cercava spazio nel movimento di Pino Galati, le condizioni sono cambiate tanto da indurlo ad un’apertura neanche tanto velata a Claudio Parente, ex consigliere regionale dell’era Scopelliti che proprio nei giorni scorsi ha presentato il suo movimento “Officine per il Sud” di cui fa parte l’assessore comunale appena nominato Giampaolo Mungo.
Che nel centrodestra ci sia confusione è quindi chiaro e prima di capirci qualcosa di più, bisognerà attendere che Wanda Ferro conosca il suo futuro: qualora non dovesse entrare a Palazzo Campanella, l’ex presidente della Provincia di Catanzaro potrebbe essere tentata dalla candidatura a Palazzo de Nobili.
Sulla sua decisione, però, non peserà solamente il pronunciamento della Consulta relativo al ricorso contro l’esclusione del consiglio regionale. A pesare sarà anche il nome dello sfidante che il centrosinistra riuscirà a mettere in campo.
E qui le operazioni non sono per nulla semplici. Le opzioni sono tante, ma l’accordo è ben lontano dall’essere trovato. Correnti, fronde e movimenti trasversali rivendicano la potestà della scelta e intanto di primarie neanche a parlarne. Così, mentre il governatore Mario Oliverio, a Roma, ragiona su nomi autorevoli la cui storia umana e professionale potrebbe rappresentare la soluzione migliore per tutta la coalizione, in città si tengono riunioni più o meno segrete che coinvolgono anche i più stretti collaboratori dello stesso Oliverio. Tanto stretti da dubitare del fatto che il governatore sia al corrente delle riunioni e sia informato sui partecipanti. Inoltre, i recenti abbandoni alla maggioranza di Abramo, aprono la strada a strani travasi dal centrodestra al centrosinistra, con qualcuno che è pronto a giurare di tesseramenti con il Pd già avvenuti per alcuni referenti politici – tutt’altro che anonimi – delle forze imprenditoriali che fino ad ora sostenevano lo schieramento opposto. Se fossimo quindi nel gioco dell'”Indovina chi?”, l’indiziato numero uno per la candidatura con il centrosinistra potrebbe essere Daniele Rossi, presidente di Confindustria Catanzaro e ai vertici della “Caffè Guglielmo”, che ormai da due anni ha lanciato il movimento “La Calabria che rema” e che non ha mai nascosto la voglia di impegnarsi in prima persona sul terreno politico e amministrativo. Da parte sua, com’è normale, nessuna conferma.
Al quadro, già di per sé complesso, bisogna aggiungere Ncd. L’ingresso nel governo Renzi di Gentile e Bianchi non solo serve anche ad Oliverio a blindare la maggioranza in Regione, ma sarà fondamentale nelle partite amministrative di Crotone e Cosenza dove si andrà al voto tra pochi mesi. Qualora il Pd, con il sostegno degli alfaniani, dovesse andare a vincere in entrambe le città, nulla esclude che Ncd possa decidere di chiedere il conto proprio a Catanzaro. In questo caso, il nome che rimbalza da più parti è quello di Sinibaldo Esposito, medico e consigliere regionale Ncd, nonché tra i più votati alle scorse elezioni amministrative nella città dei Tre Colli.

Alessandro Tarantino
a.tarantino@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x