Ultimo aggiornamento alle 13:03
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Un protocollo per combattere il lavoro nero

COSENZA Firmato nella sede di Confindustria Cosenza il protocollo d’intesa tra la Direzione territoriale del Lavoro di Cosenza, Ance Cosenza, sezione costruttori edili di Confindustria Cosenza, Cas…

Pubblicato il: 16/09/2016 – 11:13
Un protocollo per combattere il lavoro nero

COSENZA Firmato nella sede di Confindustria Cosenza il protocollo d’intesa tra la Direzione territoriale del Lavoro di Cosenza, Ance Cosenza, sezione costruttori edili di Confindustria Cosenza, Cassa Edile Cosentina e le organizzazioni sindacali territoriali di settore Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil. Obiettivo del protocollo è dare attuazione a forme di collaborazione tese a combattere il lavoro irregolare, intensificare le iniziative formative e divulgative per l’innalzamento degli standard relativi alla sicurezza nel comparto dell’edilizia. Le parti si impegnano a dare vita ad un nuovo strumento a supporto del governo dei processi di coesione sociale attivi nel territorio provinciale. Si procederà gestendo di concerto dati ed informazioni per monitorare l’andamento del settore delle costruzioni ed attivando ogni utile sinergia per migliorare l’efficacia dell’Osservatorio sugli Appalti pubblici istituito tra le parti, principalmente con lo scopo di accrescere la concorrenza leale tra le imprese e contrastare fenomeni quali quelli del lavoro irregolare. “Protocolli come questi – ha spiegato Giovan Battista Perciaccante, presidente di Ance Cosenza – sono per noi fondamentali, perché maggiori sono le tutele maggiore è la possibilità di lavorare bene, salvaguardando la qualità del lavoro e la sicurezza dei lavoratori. Il controllo, soprattutto, tutela le aziende sane e serie che non sono poi costrette a ribassi economici».
Concorde il direttore dell’Ispettorato del lavoro di Cosenza. «Un patto a costo zero – ha dichiarato Giuseppe Patania – che tutela tutte le parti e che farà emergere le criticità e le situazioni di sfruttamento. In Calabria non esistono solo le imprese irregolari, ma ci sono tante imprese virtuose che fanno fatica a stare sul mercato e a competere con chi non rispetta le regole e fanno concorrenza sleale sul piano dei costi». Ancor più incisivo Santo Alessio presidente della Cassa Edile Cosentina. «Con la firma di oggi – ha commentato – evitiamo gli squilibri sul mercato e garantiamo a tutte le imprese di partire uguali al nastro di partenza». Concordi i rappresentanti delle sigle sindacali nell’evidenziare la validita’ dell’iniziativa che sara’ un ulteriore strumento di tutela dei lavoratori. A siglare l’accordo Giuseppe Patania direttore della Dtl Cosenza, Giovan Battista Perciaccante presidente di Ance Cosenza, Santo Alessio presidente della Cassa edile cosentina, Simone Celebre segretario Fillea Cgil Cosenza, Antonio Di Franco segretario Fillea Cgil Sibaritide Pollino Tirreno, Mauro Venulejo segretario FilcaCisl Cosenza e Bruno Marte segretario Feneal Uil Cosenza.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x