mercoledì, 03 Marzo
Ultimo aggiornamento alle 22:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Santa Caterina allo Jonio, 5 arresti per taglio e furto di piante

Sequestrati dai carabinieri più di 200 quintali di legna, autocarri, un trattore, motoseghe ed attrezzi di lavoro. L’area interessata è di circa 10 ettari, più di un centinaio gli alberi tagliati

Pubblicato il: 11/05/2019 – 13:02
Santa Caterina allo Jonio, 5 arresti per taglio e furto di piante

SANTA CATERINA JONIO Nel corso di mirate attività e appostamenti in un vasto comprensorio boscato del comune di Santa Caterina dello Jonio – in un’area tutelata sia paesaggisticamente che idrogeologicamente, al cui interno erano stati ipotizzati possibili furti di piante – i militari della stazione Carabinieri Forestale di Davoli e della stazione Carabinieri di Davoli, hanno tratto in arresto 5 persone che, in concorso, avevano proceduto al taglio di almeno un centinaio di piante e, dopo averli depezzate, le avevano caricate e portando via tramite autocarri.
In particolare i militari, nella giornata di venerdì 10 maggio, nel corso di uno dei servizi mirati in località “Tabacchi” nel comune di Santa Caterina allo Jonio, hanno bloccato 2 automezzi pesanti che, da una stradina interna al bosco, stavano per raggiungere una strada provinciale asfaltata.
Dai primi riscontri, è stata subito ipotizzata la provenienza furtiva del materiale legnoso caricato, e, chiesto il rinforzo di altri militari, procedevano anche a bloccare altri tre soggetti che, all’interno del bosco, erano in pausa pranzo e in possesso di motoseghe, un trattore e altri attrezzi utilizzati per le lavorazioni in bosco.
Sono stati eseguiti gli accertamenti di rito, ispezionando l’area circostante al luogo di rinvenimento dei soggetti, verificando la rispondenza tra il materiale legnoso e le relative ceppaie superstiti, lo stato e le caratteristiche della ramaglia, la localizzazione e la proprietà dell’area interessata dal taglio, i diametri e la specie delle piante tagliate e la quantificazione del materiale legnoso già depezzato.
Dal sopralluogo, dalle ispezioni e dai rilievi eseguiti, utilizzando anche gli strumenti disponibili nel SIM (sistema informativo della montagna), è emerso che l’area interessata era di circa 10 ettari, con più di un centinaio di piante tagliate di quercia, di pino ed acero, e che la proprietà dell’area è del comune di S. Caterina Jonio e di soggetti privati residenti in Sicilia e in provincia di Reggio Calabria. Questi ultimi specificatamente contattati, hanno provveduto a sporgere formale e regolare querela presso una stazione dell’Arma in Sicilia, acquisita agli atti del procedimento.
Oltre al materiale legnoso, quantificato in più di 200 quintali, sono stati sottoposti a sequestro, 1 autocarro Iveco turbo star, 1 autocarro Iveco Eurocargo, 1 trattore, 2 motoseghe e una roncola utilizzati per il taglio e l’allestimento del materiale.
I soggetti, I. F., I. G. M. e I. D. di Guardavalle, e gli autisti dei camion D. N. e D. R. di Badolato, ai quali sono stati contestati i reati di furto, danneggiamento di boschi e di violazione della normativa paesaggistico-ambientale, sono stato tratti in arresto e condotti al regime degli arresti domiciliari presso la propria abitazione, in attesa di udienza di convalida e di giudizio direttissimo, prevista per la data odierna.
Catanzaro. 11 maggio 2019

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb