Ultimo aggiornamento alle 18:56
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Acciuffato il boss di Rizziconi. Era latitante da 4 anni – VIDEO

Operazione della Squadra mobile di Reggio Calabria che, con il supporto dello Sco, ha scovato Domenico Crea in una villetta a Santa Domenica di Ricadi, nel Vibonese. Aveva con sé 5mila euro in cont…

Pubblicato il: 02/08/2019 – 8:23
Acciuffato il boss di Rizziconi. Era latitante da 4 anni – VIDEO

REGGIO CALABRIA Alle prime luci dell’alba, personale della Polizia di Stato della Squadra mobile di Reggio Calabria, supportato da personale del Servizio centrale operativo della Direzione centrale Anticrimine e della Squadra Mobile di Vibo Valentia, ha tratto in arresto a Santa Domenica di Ricadi il latitante Domenico Crea, nato a Cinquefrondi 37 anni fa, considerato il capo della consorteria mafiosa dominante a Rizziconi e zone limitrofe, collegata ed imparentata con la potente famiglia Alvaro di Sinopoli. Crea era latitante dal 2015 quando venne colpito da misura cautelare per i reati di associazione mafiosa, estorsione ed altro a seguito di sentenza di condanna in primo grado a 15 anni di reclusione emessa dal Tribunale di Palmi. Da quella data Domenico Crea è stato colpito da numerosi provvedimenti restrittivi per associazione mafiosa ed estorsione ed è stato condannato in via definitiva, ad aprile scorso, a 21 anni di reclusione. L’indagine volta alla cattura del latitante è stata avviata dalla Squadra Mobile oltre tre anni orsono con la collaborazione del Servizio Centrale Operativo e sotto la direzione della Procura della Repubblica Dda di Reggio Calabria ed è stata intensificata a seguito della cattura del fratello di Domenico, Giuseppe, avvenuta ad opera della Squadra Mobile di Reggio Calabria il 29 gennaio 2016, a seguito del quale Domenico Crea ha assunto il ruolo di capo indiscusso della consorteria criminale di Rizziconi. Nella serata di ieri, a seguito di servizi di osservazione supportati da strumentazione tecnologica altamente sofisticata, si è avuta la certezza della presenza del latitante all’interno di una villetta a Santa Domenica di Ricadi, nel Vibonese, dove è stato tratto in arresto nella prima mattinata odierna. Il latitante era in compagnia della moglie e delle due figlie minori ed è stato trovato in possesso di 5mila euro in contanti. Al vaglio la posizione di due coniugi proprietari dell’immobile messo a disposizione della famiglia del latitante.
https://youtu.be/NV3uuIAwk7E
 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb