Ultimo aggiornamento alle 15:26
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Emergenza personale, 5 reparti a rischio chiusura all'ospedale di Crotone

L’allarme del dg Berardi e del direttore amministrativo Masciari: «Si continuano a fare miracoli». Il Dca di Cotticelli prevede solo 4 assunzioni, ma la situazione è ormai insostenibile

Pubblicato il: 11/10/2019 – 12:36
Emergenza personale, 5 reparti a rischio chiusura all'ospedale di Crotone

di Gaetano Megna
CROTONE
Manca il personale e sono a rischio chiusura alcuni reparti dell’ospedale di Crotone. A lanciare l’allarme sono il direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale, Maria Berardi, e il “suo” direttore amministrativo, Francesco Masciari. Non hanno personale, per continuare a fornire all’utenza le prestazioni, le unità di Ortopedia e Otorino e sono in forte sofferenza Geriatria e Malattie infettive. Non c’è un solo reparto del “San Giovanni di Dio” con il personale adeguato, quello previsto dalla pianta organica. D’altra parte nel triennio 2017/2019 c’è stata la cessazione dal servizio di ben 58 infermieri e 31 medici, che sono stati sostituiti, solo in parte, dai concorsi autorizzati dal commissario regionale per il piano di rientro dal disavanzo del settore sanitario. Quest’anno sono andati in pensione 31 tra medici, infermieri, oss e personale amministrativo. I concorsi sono fermi al palo e l’attuale commissario, Saverio Cotticelli, con il recente Dca 135 per l’Asp di Crotone ha autorizzato solo quattro assunzioni: un oncologo, un medico biologo, un chirurgo vascolare e un collaboratore amministrativo. L’oncologo e il biologo servono, non si può non rilevare invece come all’ospedale di Crotone non ci sia il reparto di Chirurgia vascolare e non sarà nemmeno bandito il concorso, perché, se anche si dovesse decidere di aprire un nuovo servizio, un solo chirurgo non basterebbe. L’amministrativo serve, perché la carenza all’Asp di Crotone riguarda anche questo settore, ma c’è un grande bisogno di medici, infermieri e oss. Il precedente Dca, il n. 154 emanato dal commissario Massimo Scura, prevedeva l’assunzione di diversi dirigenti medici, la cui attività avrebbe garantito una gestione più tranquilla, permetteva anche l’assunzione di 20 oss e 28 infermieri. Il Dca 154 consentiva all’Asp di bandire concorsi per assumere 168 persone.
Oggi Berardi e Masciari hanno seri dubbi sul futuro dell’ospedale che, a loro dire, va avanti grazie all’abnegazione di tutto il personale. Al “San Giovanni di Dio” si fanno sacrifici enormi. In questa situazione, come sottolineano i due dirigenti, «si sono fatti e si continuano a fare miracoli». La situazione, però, è diventata insostenibile e, quindi, tra qualche settimana si rischia di dovere procedere alla chiusura di alcuni reparti per tenere in vita la postazione ospedaliera del provincia pitagorica.
IL CASO CHIRURGIA L’unità operativa di Chirurgia è un caso a sé, perché ci sono medici che vogliono andare via. In quattro, su undici, hanno presentato la domanda di mobilità. Vorrebbero trasferirsi a Catanzaro. Berardi ha bocciato la richiesta, perché il trasferimento dei quattro rischierebbe di mettere a rischio chiusura il reparto. Il direttore generale facente funzioni ha chiesto al suo collega di Cosenza di potere assumere dalla graduatoria della città dei Bruzi e la risposta è stata un no secco, che non lascia nessun spiraglio. Ha presentato la stessa richiesta alla collega di Vibo Valentia e la risposta è stata positiva, ma le assunzioni a Vibo Valentia sono bloccate e la graduatoria del concorso, già espletato, è ferma. Berardi racconta che ha dovuto dire no anche a due richieste di aspettativa. Due medici, pur di andare via dal reparto di Chirurgia di Crotone, sono disponibili a mettersi in aspettativa per accettare un incarico a tempo indeterminato a Catanzaro. (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x