Ultimo aggiornamento alle 7:09
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 5 minuti
Cambia colore:
 

MALTEMPO 1/ Bomba d’acqua si abbatte su Reggio, allagamenti e disagi – VIDEO e FOTO

Situazione complicata in riva allo Stretto, problemi anchje nel centro del capoluogo. Rinviata la processione della Madonna della Consolazione. Il centrodestra all’attacco sollecita Falcomatà e il …

Pubblicato il: 24/11/2019 – 12:45
MALTEMPO 1/ Bomba d’acqua si abbatte su Reggio, allagamenti e disagi – VIDEO e FOTO

REGGIO CALABRIA Bomba d’acqua su Reggio Calabria, danni e disagi in riva allo Streto: un’autentica “bocca d’acqua” ha letteralmente travolto fin dalla prima mattinata la città di Reggio Calabria, con allagamenti e parecchi danni, in particolare nel quartiere Stadio, in zona centro con allagamenti su Corso Garibaldi e in viale Calabria. Inoltre forti raffiche di vento hanno anche determinato mareggiate sul lungomare: a quanto risulta, è stata anche rimandata all’1 dicembre, su decisione dell’arcivescovo di Reggio Calabria, Giuseppe Fiorini Morosini, la processione della Madonna della Consolazione, in programma oggi. LA NOTA DELLA PREFETTURA Nel primo pomeriggio, con una nota stampa, la prefettura di Reggio Calabria ha fatto un aggiornamento della situazione. «Non sono state segnalate situazioni di pericolo per l’incolumità delle persone. La Protezione Civile Nazionale ha diramato alle 13.30 un aggiornamento delle previsioni meteo: permane l’allerta rossa fino alle 24.00, mentre da domani è prevista la riduzione dello stato di allerta ad arancione. Reggio Calabria è il Comune dove si sono registrate le situazioni di maggior disagio per i cittadini. In molte zone della città – ha spiegato al prefettura – si sono verificati allagamenti, risolti nel corso della mattinata grazie all’intervento dei Vigili del fuoco, oltre che della Polizia Locale e della Protezione civile comunale, tutt’ora impegnati in azioni a tutela della popolazione. In alcuni Comuni si sono verificati smottamenti sulle strade: i tempestivi interventi degli uffici comunali competenti hanno consentito l’immediato ripristino delle condizioni di sicurezza. Permane il divieto di transito sulla Sp 9, nel comune di Stilo, interrotta a causa del cedimento del manto stradale. L’Enel e Terna stanno operando in alcune zona per ripristinare l’energia elettrica. Sono costantemente monitorate le portate dei fiumi e dei torrenti nel territorio metropolitano, di cui si è registrato un contenuto innalzamento dei livelli. Nessuna criticità di rilievo è stata segnalata sulla rete ferroviaria da Rfi e così pure sulla rete autostradale e stradale dall’Anas, dove mezzi di soccorso stanno comunque effettuando ricognizioni sui tratti maggiormente interessati dalle criticità. In atto, gli eventi meteo si sono attenuati e la situazione sta gradualmente ritornando alla normalità. Prosegue comunque – ha concluso la prefettura di Reggio Calabria – l’attività della Prefettura mirata al monitoraggio del territorio e delle situazioni di rischio nonché dell’operatività dei dispositivi di emergenza attivati presso i vari Comuni a tutela della pubblica e privata incolumità».

LA DENUNCIA DI SICLARI, TRIPODI e CIRIELLI «Mai visto il nostro Corso Garibaldi allagato. Durante l’ultimo allagamento avevo consigliato, tramite stampa, al Sindaco di chiedere al Governo lo “stato di emergenza” per ottenere i fondi necessari a realizzare “interventi strutturali risolutivi al problema” – scrive il forzista in una nota -. Falcomatà ed Oliverio non hanno fatto nulla di tutto ciò. Si attivino, adesso, denunciando quanto è accaduto questa notte dove la pioggia ha allagato negozi, case e strade rendendo la città inagibile e creando diversi danni non solo alle famiglie ma anche all’economia locale. Reggio Calabria non è un gioco, è una città che ha bisogno di una politica attenta e responsabile in ogni suo ambito amministrativo. L’amministrazione continua ad affonda nella pioggia».Non scende in polemica il senatore forzista Marco Siclari ma, guardando allo stato di emergenza in cui versa Reggio a ogni pioggia più insistente, si interroga su quali e di chi siano le responsabilità di tutto questo. «Vorrei sapere perché l’amministrazione non ha chiedo lo scorso anno lo Stato di Emergenza? Perché è non ha provveduto con una corretta programmazione a svolgere l’ordinaria e la straordinaria manutenzione proprio nelle zone più a soggette ad allagamento da sempre? Come può allagarsi il Corso Garibaldi che ha un’apertura verso il mare ogni 50 metri? Come hanno progettato la pendenza della nuova pavimentazione del corso? Falcomatà, adesso, chieda subito lo Stato di Emergenza e chieda scusa a tutta la comunità Reggina. Mi auguro che nessun malato abbia rischiato la vita a causa dell’inagibilità delle strade», ha concluso il senatore azzurro. «Il Governo intervenga in maniera immediata, Reggio Calabria e la sua provincia sono al collasso, provate da incessanti nubifragi e danni infrastrutturali e alla viabilità». Lo dichiara Maria Tripodi deputato e vice coordinatore regionale Forza Italia Calabria, che prosegue «occorre agire con celerità, la situazione di strade, sottopassi, della città come dell’entroterra e dei lungomari della fascia Jonica reggina e’ drammatica. I miei concittadini meritano l’attenzione riservata alle altre località italiane, mi appello al buon senso del Premier affinché si attivi nel prossimo consiglio dei ministri», conclude l’esponente azzurra. Si fa sentire anche il questore della Camera, Edmondo Cirielli, commissario provinciale di Fratelli D’Italia a Reggio Calabria. «Reggio Calabria allagata come Venezia, ma senza la laguna, per colpa del malgoverno del Pd. La mia vicinanza ai cittadini calabresi che, in queste ore, stanno vivendo una situazione di grave difficoltà. A questo punto – ha detto Ciriello – mi chiedo dove siano finiti i 5.007.070,60 euro stanziati, per il 2019, dalla Regione per la città metropolitana di Reggio Calabria per il dissesto idrogeologico e la viabilità. Dov’è la programmazione di tali interventi? Cosa non ha funzionato nel servizio di prevenzione? E’ sotto gli occhi di tutti l’incapacità amministrativa del Pd nel prevenire e gestire le emergenze. Basta, dunque, con la solita propaganda dei numeri che rischia di mettere a rischio la vita delle persone». Seondo il parlamentare di FdI, «Occorrono interventi urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini. sindaco e presidente pro tempore della Regione Calabria si assumano le loro responsabilità. Per Fratelli d’Italia la messa in sicurezza dei territori è una priorità che inseriremo nel programma di governo in vista delle imminenti elezioni regionali», conclude Cirielli.
 
https://www.facebook.com/laltrocorrieretv/videos/544821316077565/

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x