Ultimo aggiornamento alle 19:03
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Fase 2, Pugliese: «Non pagati 300 mila euro di buoni spesa»

La denuncia del presidente della Camera di Commercio di Crotone: «Degli oltre 500 mila euro assegnati dal governo la maggior parte sono ancora nella casse dell’ente». La precisazione del commissari…

Pubblicato il: 19/05/2020 – 13:29
Fase 2, Pugliese: «Non pagati 300 mila euro di buoni spesa»

CROTONE «Degli oltre 500.000 euro assegnati dal governo nazionale al Comune di Crotone per i buoni spesa, la maggior parte degli stessi, oltre 300.000 euro, sono ancora nelle casse dell’ente, vanificando così tutti gli sforzi che sono stati fatti per sostenere il sempre più crescente numero di famiglie in povertà a causa della crisi economica». Lo afferma in una nota Alfio Pugliese, presidente della Camera di Commercio di Crotone. «La situazione – prosegue – ha dell’inverosimile. Riceviamo quotidianamente richieste di aiuto da Caritas e Croce Rossa, delle quali dall’inizio della pandemia sosteniamo le azioni, per le famiglie bisognose; gli operatori economici hanno contribuito fattivamente all’iniziativa donando grandi quantità di beni primari per l’iniziativa della spesa sospesa, pertanto la notizia di questi gravi ritardi nell’erogazione dei buoni spesa non può che lasciarci basiti. In questo momento di estrema difficoltà per tantissime imprese e famiglie del territorio non si può e non si deve trincerarsi dietro anacronistiche lungaggini burocratiche, dal momento che le Istituzioni hanno il dovere di sostenere la collettività senza indugio ed ingiustificati ritardi. La nostra provincia è una delle più povere d’Italia ed il livello di povertà è esponenzialmente cresciuto in queste settimane di lockdown, dal momento che tantissime famiglie vivono dell’attività d’impresa, rimasta ferma – conclude Pugliese – il Commissario Prefettizio deve assolutamente accelerare le procedure di erogazione dei buoni spesa, così come è avvenuto in altri comuni della provincia, ne va della dignità e sopravvivenza di centinaia di cittadini».
LA PRECISAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO In relazione alla distribuzione dei buoni spesa ai cittadini che ne hanno fatto richiesta, previsti dall’ordinanza della Protezione Civile Nazionale, di cui si legge sui recenti articoli di stampa, il Commissario Straordinario Tiziana Costantino intende fare alcune precisazioni in ordine a quanto riportato relativamente ai criteri di erogazione degli stessi.
«I criteri – spiega – definiti “molto stringenti” sono invece assolutamente flessibili ed idonei al raggiungimento degli obiettivi fissati, in quanto si prevede espressamente una integrazione delle somme per tutta la platea dei beneficiari, qualora si producano economie di spesa. Integrazione che scatta automaticamente. Si rassicurano i cittadini – aggiunge il commissario straordinario – che le somme residue verranno in breve termine impiegate, al di là di qualsivoglia burocrazia, secondo le disposizioni già da tempo impartite, nella consapevolezza che le legittime aspettative dei cittadini devono trovare pieno soddisfacimento».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb