Ultimo aggiornamento alle 23:07
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Nuove minacce per Valeria Grasso, Ultimo: «Lo Stato dev’essere presente»

L’imprenditrice siciliana denuncia una nuova macabra intimidazione. In suo soccorso l’assessore già Capitano: «Serve una protezione preventiva e non solo quando ci sono le minacce». Poi lancia un m…

Pubblicato il: 13/10/2020 – 11:53
Nuove minacce per Valeria Grasso, Ultimo: «Lo Stato dev’essere presente»

ROMA Ancora una macabra intimidazione all’indirizzo di Valeria Grasso, l’imprenditrice siciliana che si era ribellata al “pizzo” denunciando i suoi estorsori. La storia, ormai nota, è quella di una donna che ha deciso di ribellarsi e sporgere denuncia contro gli uomini del clan Madonia, egemone nella zona di Palermo dove lei svolgeva la sua attività.
Una denuncia che aveva portato all’arresto di ben 25 esponenti di quello stesso clan che avevano promesso vendetta. Da allora si sono susseguiti gli appelli della donna che a più riprese ha chiesto protezione allo Stato. La scorta affidatale in un primo momento, era stata poi revocata per essere poi riassegnata. Nell’ultimo periodo – racconta davanti alle telecamere del talk di Rai” “Storie Italiane”, il servizio di vigilanza era stato nuovamente sospeso a fronte dell’emergenza Covid-19 in atto.
Nel frattempo, sempre secondo la sua ricostruzione, alcuni ignoti sarebbero riusciti ad introdursi in maniera indisturbata nello stabile di Roma, dove oggi abita, disegnando sul muro alcune croci «disposte in maniera tale da far capire che destinatari dell’intimidazione siamo io e i miei figli».
Da qui la nuova richiesta a che la protezione attualmente assegnatale sia rafforzata.
LA SOLIDARIETÀ DI ULTIMO In soccorso di Valeria Grasso, interviene il Capitano Ultimo, con un passato nell’antimafia ed oggi assesssore all’ambiente della Regione Calabria. «Sono qui per onorare Valeria», dice Ultimo, che lancia un appello alle Istituzioni: «Vorremmo vedere uno Stato in cui l’autoritarismo ceda il passo all’autorità. Vorremmo uno Stato-comunità. Ci piacerebbe una sicurezza preventiva che possa arrivare prima della minaccia e dobbiamo costruirla insieme ai cittadini. Dobbiamo denunciare». Nel congedarsi, Ultimo manda un messaggio d’amore ai calabresi: «Oggi lavoro per la Calabria e sono fiero di questo incarico che svolgo con amore e senza secondi fini».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x