Ultimo aggiornamento alle 0:44
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Il centrodestra replica a Bevacqua: «Calabria zona rossa è un provvedimento punitivo»

Arruzzolo (Fi), Pietropaolo (Fdi), Minasi (Lega), Graziano (Udc), Crinò (Cdl) e Pitaro (Santelli Presidente): «Non staremo con le mani in mano, il capogruppo del Pd e il suo partito facciano la lor…

Pubblicato il: 06/11/2020 – 18:42
Il centrodestra replica a Bevacqua: «Calabria zona rossa è un provvedimento punitivo»

REGGIO CALABRIA In una nota a firma dei capigruppo di maggioranza Consiglio regionale della Calabria Giovanni Arruzzolo (Fi), Filippo Pietropaolo (Fdi), Tilde Minasi (Lega), Giuseppe Graziano (Udc), Giacomo Crinò (Cdl) e Vito Pitaro (Santelli Presidente) replicano alle dichiarazioni del capogruppo del Pd, Domenico Bevacqua che si era rivolto al presidente dell’assise regionale Tallini, «invitandolo a non prendere in giro i calabresi».
«Non tutti hanno ben chiara la gravità della situazione, nella quale il Governo Conte ha catapultato la Regione Calabria. C’è il rischio di far morire l’economia di un’intera regione e il capogruppo del Pd – non comprendiamo se si esprime a titolo personale o a nome del Partito che rappresenta – si tira fuori da responsabilità che dovrebbero riguardarlo, istituzionalmente, ancor prima che politicamente.
La zona rossa per la regione Calabria è un provvedimento ingiusto e soprattutto punitivo, e bene ha fatto il Presidente Tallini a convocare per domani il Consiglio in seduta straordinaria. Lo ha inteso fare per dar seguito alla proposta della maggioranza consiliare e soprattutto per dare voce – legittimamente e con gli strumenti democratici che possiede – alle istanze dei cittadini calabresi. Abbiamo accolto il loro grido di dolore, che si è palesato in più forme, e non possiamo tirarci indietro di fronte all’esclusiva richiesta di giustizia. Il punto all’ordine del giorno di definire la nostra regione zona gialla, è finalizzato a ristabilire le centralità di dati empirici rispetto ad una pandemia che si ripresenta, ma che non ha parametri tali da giustificare un secondo lockdown. Le strumentalizzazioni sulla sanità regionale – insistono i capigruppo di centrodestra – non le accettiamo dal capogruppo Pd, perché fino a pochi mesi era al governo di questa regione, e non resterà certo negli annali della storia il suo impegno per attenuare le criticità del comparto sanitario. Le responsabilità come ben sa sono ascrivibili ai commissari che in questi anni hanno tramortito invece che riqualificare la sanità calabrese. Commissari tra l’altro, nominati da una coalizione di Governo pilotata dal suo stesso partito. Ribadiamo piuttosto, che nell’unico punto all’ordine del giorno di domani non c’è nulla di partitico e affermare il contrario è strumentale ed istituzionalmente grave. Abbiamo scelto il percorso della discussione nella massima Assise calabrese, proprio perché è in questo luogo che vanno definite le scelte più importanti per il futuro dei nostri territori. Forse Bevacqua, in queste ultime ore, non si sarà accorto della richiesta che arrivava dalle piazze, da commercianti ed imprenditori, da padri e madri di famiglia che ci chiedevano di fare qualcosa. La chiusura totale rischierebbe di provocare danni economici irreversibili. Serrande abbassate e posti di lavoro in frantumo. Questo sarebbe inaccettabile. Bene – concludono – noi non staremo con le mani in mano, il consigliere Bevacqua e il suo partito facciano le loro scelte».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb