Ultimo aggiornamento alle 14:19
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Catanzaro, Abramo scaccia i venti di crisi e "si prende" Forza Italia

Riunioni con gli azzurri e con la coalizione di centrodestra dopo il terremoto dell’arresto di Tallini: la maggioranza al Comune va avanti senza stravolgimenti. E il sindaco sembra rafforzarsi

Pubblicato il: 26/11/2020 – 21:38
Catanzaro, Abramo scaccia i venti di crisi e "si prende" Forza Italia

CATANZARO Non è successo niente, nemmeno stavolta… Nessuna crisi, si va avanti senza cambiare nulla ma facendo quadrato. Al fondo di una giornata di vertici e di contatti il sindaco Sergio Abramo e la maggioranza di centrodestra che lo sostiene alla guida del Comune di Catanzaro siglano un nuovo patto di fiducia cercando di fare barriera contro i potenziali “scossoni” derivanti dall’arresto del leader di Fora Italia Mimmo Tallini. Abramo scaccia i – peraltro non dirompenti – venti di crisi e “imbullona” ancora di più la sua maggioranza, anestetizzando anche l’amarezza degli azzurri, chiaramente frastornati e indeboliti dall’assenza, anche fisica, di Tallini dal campo di gioco: il chiarimento fornito dal sindaco, che ha ribadito come le sue prime dichiarazioni sulla vicenda Tallini fossero state equivocate e strumentalizzate, evidentemente è bastato a un gruppo forzista che appare palesemente in cerca di una nuova “ala protettiva”. E a molti osservatori politici non è sfuggita la portata delle ultime sortite di Abramo, che ha rinnovato il suo attaccamento a Forza Italia, anche in chiave Regionali, quasi a smentire i suoi recenti “ammiccamenti” alla Lega. Anche questo probabilmente si è riverberato sulla giornata odierna a Palazzo De Nobili: prima una riunione con Forza Italia, poi una riunione con tutti i consiglieri di maggioranza per Abramo, che rimette di nuovo ordine nella sua coalizione e dà l’impressione di rafforzarsi. Anche se il tutto non basta a sgomberare le “nubi” che si addensano minacciose sul Comune di Catanzaro dal giorno dell’arresto di Tallini, con la Prefettura che ha alzato più di un riflettore, quel tanto che basta ad alcuni esponenti del centrosinistra – quel po’ di centrosinistra che ancora c’è a Catanzaro – per evocare le ombre di una commissione d’accesso antimafia a Palazzo De Nobili. Prospettiva che evidentemente non preoccupa, almeno non preoccupa ancora, il centrodestra, anche se la maggioranza a sostegno di Abramo dà il senso di continuare a procedere puntando al piccolo “cabotaggio” e alla sopravvivenza giorno per giorno per pura difesa dell’esistente. All’orizzonte dunque nessun “terremoto”, nessun rimpasto di Giunta, niente di niente. Avanti come se non fosse successo nulla. Del resto, anche la nota diffusa ieri sera al termine del vertice collegiale della coalizione è piuttosto eloquente nella sua imbarazzante vacuità: «La maggioranza dei componenti il Consiglio comunale, non restando indifferente alle questioni politiche degli ultimi giorni, si è riunita per avviare un confronto con le forze che compongono la coalizione di centro destra. Con il primario intento di portare a termine progetti e opere in itinere, e – si legge nella nota – con rinnovato spirito di coesione, l’amministrazione comunale proseguirà la propria azione politica e amministrativa. In un periodo difficile per tutto il Paese, in cui, anche la città di Catanzaro è attanagliata da innumerevoli problematiche correlate alla pandemia da Covid-19, si intende adempiere ai propri doveri con l’impegno e il senso di responsabilità che deve albergare in ogni esponente delle istituzioni». Insomma, “fuffa”. Come prima, come sempre. (a. c.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x