Ultimo aggiornamento alle 22:35
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

La replica

Scontro Papasso-Ciminelli. «Il sindaco di Cassano è in difficoltà nella gestione dell’emergenza»

Pomo della discordia un’ordinanza del primo cittadino di Amendolara che chiude i confini comunali ai venditori ambulanti cassanesi

Pubblicato il: 10/02/2021 – 12:26
Scontro Papasso-Ciminelli. «Il sindaco di Cassano è in difficoltà nella gestione dell’emergenza»

AMENDOLARA Non si placano le polemiche sorte fra Amendolara e Cassano. Dopo l’ordinanza emessa dal sindaco Antonello Ciminelli, con la quale ha chiuso i confini a venditori ambulanti provenienti da Cassano, perché dichiarata zona rossa, Gianni Papasso ha replicato duramente, richiamando a sua volta le ire del primo cittadino di Amendolara.

«PAPASSO SPRECA TEMPO PREZIOSO» «Non mi sarei mai aspettato che il sindaco di Cassano allo Ionio con tutti i problemi che sta affrontando nella gestione della pandemia – dichiara Ciminelli – sprecasse tempo prezioso criticando, con una lettera su Facebook indirizzata al sottoscritto ma mai ricevuta, l’ordinanza del Comune di Amendolara che vieta per qualche giorno il commercio ambulante a tre persone, e dico tre persone, provenienti da un comune che si trova in “zona rossa” per effetto di una ordinanza dello stesso collega di Cassano».

«SI CONCENTRI SUL TERZO MEGALOTTO» Le «illazioni» di Papasso, Ciminelli le rispedisce al mittente. «La cultura dell’accoglienza e della solidarietà di Amendolara sono incise a caratteri indelebili nei libri di storia della Calabria e non solo. Ciò che invece non ci caratterizza – aggiunge chiamando in causa anche i lavori del terzo megalotto della statale 106 – è il senso di ripicca che il collega di Cassano mi attribuisce e che al contrario evidentemente gli appartiene. Più volte infatti, ultimamente, ho dovuto stigmatizzare il suo comportamento per quanto riguarda la questione del terzo megalotto».

PAN PER FOCACCIA Ciminelli spiega, poi, che l’ordinanza non è rivolta alla comunità cassanese, «concetto che il sindaco di Cassano in maniera goffa cerca di far passare, ma ad una categoria di lavoratori (ripetiamo, appena tre) che si interfaccia maggiormente con persone anziane, soggetti notoriamente più a rischio. Come mai – chiede ancora Ciminelli – un ambulante di Amendolara non può andare a Cassano per effetto dell’ordinanza del sindaco che limita il commercio ambulante solo ai venditori del posto, mentre un ambulante di Cassano potrebbe venire ad Amendolara. Siamo al paradosso più totale».

«PAPASSO È IN DIFFICOLTÀ NELLA GESTIONE DELL’EMERGENZA» Il sindaco di Amendolara tira anche qualche stoccata: «Se il sindaco di Cassano si trova in evidente difficoltà nella gestione dell’emergenza sanitaria e pensa di trovare nel Comune di Amendolara un capro espiatorio, sbaglia di grosso. Farebbe bene ad occuparsi dei problemi del suo comune». Secondo il sindaco di Amendolara, infine, i buoni rapporti istituzionali richiamati dal collega di Cassano «prevedono, eventualmente, in prima battuta, contatti informarli come ad esempio una telefonata e non una fredda lettera pubblicata sul web».
Insomma, l’incidente diplomatico si è ormai consumato. (lu.la.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x